Ultimo aggiornamento  05 aprile 2020 14:33

Italrugby, azzurri in meta con Honda e.

Angelo Berchicci ·

La Honda e, la nuova compatta 100% elettrica della Casa giapponese, è la vettura ufficiale della nazionale italiana di rugby per tutto il 2020. Il costruttore ha infatti rinnovato la partnership siglata lo scorso anno con la squadra allenata da Franco Smith.

Sia retrò che futuristica

La Honda e, retrò nel design ma futuristica nei contenuti, sarà disponibile con un’unità elettrica da 113 chilowatt (154 cavalli), con prezzi a partire da 38.500 euro, a cui si aggiungerà a inizio 2021 una versione da 100 chilowatt (136 cavalli), con prezzi da 35.500 euro.

La batteria da 35,5 chilowattora garantisce un'autonomia di 222 chilometri. La compatta ha il compito di guidare la rivoluzione green del costruttore in Europa, dove entro il 2022 tutta la gamma sarà elettrificata, mentre a livello globale entro il 2030 i due terzi delle vendite saranno a batteria

In mostra allo Stadio Olimpico

La Honda e arriverà sul mercato italiano nella tarda primavera del 2020. Prima di allora la vettura sarà mostrata al pubblico durante i due match del torneo Sei Nazioni che si terranno allo Stadio Olimpico di Roma, domani 22 febbraio e il 14 marzo contro l'Inghilterra. La citycar sarà esposta durante il "terzo tempo" nell'area allestita presso l'Olimpico, dove Honda sarà presente con un proprio stand.

Gli appuntamenti

L'appuntamento di domani 22 febbraio contro la Scozia sarà il terzo incontro disputato dall'Italrugby nel corso del Sei Nazioni 2020. I precedenti appuntamenti hanno visto la Nazionale sconfitta prima dal Galles e poi dalla Francia. Il 7 marzo si terrà il quarto turno contro l'Irlanda, mentre il 14 marzo gli azzurri torneranno in Casa per l'ultimo appuntamento contro i vice campioni del mondo.

Tag

Honda  · Honda e  · ItalRugby  · Rugby  · 

Ti potrebbe interessare

· di Francesco Paternò

La citycar elettrica accelera il piano di elettrificazione di tutti i modelli del costruttore in Europa entro il 2022. Telecamere al posto dei retrovisori esterni, ecco come va