Ultimo aggiornamento  14 luglio 2020 16:26

Ponte di Genova: completate le 18 pile.

Redazione ·

Si è concluso il rifacimento dell'ultima delle 18 pile in cemento armato alte 40 metri che sorreggeranno il nuovo ponte di Genova - destinato a sostituire il "Morandi", crollato il 14 agosto 2018 - costruito dalla joint venture "PerGenova" tra Salini Impregilo e Fincantieri.

Tra le parti esposte e quelle sotterranee, le strutture sfiorano un'altezza complessiva di 1.500 metri. Su di esse poggia l'impalcato. Il ponte visibile misura ormai 550 metri, superando la metà della lunghezza totale che sarà di 1.067.

"Opera unica"

"Seguendo il codice degli appalti, ci sarebbero voluti circa due anni e mezzo: noi ci abbiamo impiegato solo tre settimane e mezzo", ha detto Marco Bucci, sindaco di Genova e commissario alla ricostruzione del ponte. Il riferimento è alla deroga che ha permesso di assegnare in tempi brevi il contratto al consorzio "PerGenova". "Non bisogna pensare che abbiamo preso delle scorciatoie", ha specificato il primo cittadino. "Vogliamo far vedere che in Italia i lavori importanti si possono fare bene con costi e tempi giusti".

Con una media di 3 pile al mese, è stata completata una delle parti più importanti del viadotto del capoluogo ligure. "Questa è un'opera unica sotto tanti punti di vista: la componente innovativa e sostenibile, i tempi di realizzazione, la pressione dell'opinione pubblica, l'attenzione alla qualità e alla sicurezza delle lavorazioni, e naturalmente la sua stessa ragion d'essere. Per questo prima di tutto voglio ringraziare gli ingegneri e i lavoratori che a vario titolo animano questo sforzo comune. Sono i nostri eroi", ha commentato l'amministratore delegato di Salini Impregilo, Pietro Salini.

Tag

Genova  · Ponte di Genova  · Ponte Morandi  · 

Ti potrebbe interessare