Ultimo aggiornamento  24 settembre 2020 15:02

Bilancio 2019, Renault vede rosso.

Edoardo Nastri ·

Periodo difficile per Renault. Il costruttore francese ha chiuso il 2019 con i profitti in calo. Renault ha perso lo scorso anno circa 141 milioni di euro (prima volta da un decennio a questa parte) di utile netto, registrando 55,5 miliardi di fatturato, il 3,3% in meno del 2018. A tassi di cambio comparabili, il fatturato avrebbe subito una flessione del 2,7%.

Con l’arrivo di Luca de Meo come nuovo ceo dal 1 luglio il costruttore francese dovrà cercare di cambiare passo e risolvere i tanti problemi a partire dal rapporto con l’alleata Nissan, in grave crisi dopo il caso Carlos Ghosn. Dal partner giapponese, anch'esso in forte difficoltà di risultati finanziari e di vendite, quest'anno è arrivato un contributo di soli 242 milioni di euro, contro l'1,5 miliardi del 2018.

Rivisto il margine operativo per il 2020 

Le perdite di Renault hanno coinvolto anche le vendite, in calo del 3,4%, con immatricolazioni pari a 3,8 milioni di unità a livello globale. Rivisto anche l’obiettivo di margine operativo lordo per il 2020 che si abbassa di uno o due punti, “dal 5 al 3 o 4%”. Comunque lontanissimo da quello previsto da Carlos Ghosn, al 7%, fissato subito prima del suo arresto.

“Nonostante un anno difficile siamo riusciti a conseguire risultati conformi alle previsioni. Ringrazio tutti i dipendenti che con i loro sforzi hanno consentito questo risultato. La visibilità per il 2020 rimane limitata, a causa della volatilità attesa dei mercati, in particolare in Europa e in altre regioni per il possibile impatto del coronavirus”, ha dichiarato Clotilde Delbos, ceo ad interim di Renault.

Tag

Business  · Nissan  · Renault  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Il costruttore cancellerà 10 punti vendita in Francia trasformandoli in canali digitali entro il 2024 nell'ambito di un piano di taglio ai costi di 2 miliardi di euro in tre anni

· di Edoardo Nastri

Il costruttore francese porta alla manifestazione svizzera (5-15 marzo) tre modelli a zero emissioni: la concept Morphoz, la Twingo e una citycar Dacia

· di Edoardo Nastri

Per rispondere alla crisi, il nuovo ceo Uchida annuncia tagli "senza alcun timore di sorta". E gli azionisti gli chiedono di mettere una taglia per riportare Ghosn in Giappone

· di Angelo Berchicci

La Casa francese ha svelato la strategia per elettrificare la gamma. Entro il 2022 attese 12 vetture a batteria, di cui 4 già quest'anno. Previsto anche un modello Dacia

· di Francesco Paternò

Nomina operativa dall'1 luglio. Primo non francese al vertice, va a Parigi in un momento difficile per il gruppo: vendite in calo, relazioni tese con Nissan, un dopo Ghosn da...