Ultimo aggiornamento  27 novembre 2020 07:20

Nissan, utili ridotti del 43%.

Angelo Berchicci ·

Nissan ha tagliato del 43% le stime sul risultato operativo per l’anno fiscale 2019, che si concluderà a marzo 2020. La Casa giapponese ha rivisto al ribasso la precedente proiezione, secondo la quale l’utile al termine dell’anno sarebbe stato di 150 miliardi di yen: adesso la previsione è di 85 miliardi di yen. Fortemente ridotti anche i ricavi netti: al posto dei 110 miliardi di yen inizialmente ipotizzati, ora si parla di 85 miliardi (il 40,9% in meno).  

Crollo nelle vendite nell'ultimo trimestre 

L’aggiustamento si è reso necessario dopo che il terzo trimestre del 2019, relativo ai mesi ottobre-dicembre, si è chiuso peggio di quanto la Casa si aspettasse. Negli ultimi tre mesi dello scorso anno il costruttore ha infatti registrato perdite per 26,1 miliardi di yen, con le vendite diminuite dell’11%

Dall’inizio dell’anno fiscale (aprile 2019) l’utile operativo è diminuito dell’82,7% rispetto allo stesso periodo del 2018, passando da 313,7 miliardi di yen a 54,3, mentre i ricavi netti sono crollati addirittura dell’87,6% (da 316,7 miliardi di yen nel 2018 a 39,3 miliardi).

In linea con la riduzione delle vendite (a cui si somma il rallentamento che sta interessando la Cina per via del coronavirus), Nissan ora prevede di chiudere l’anno fiscale con 5,05 milioni di veicoli consegnati: numeri che, se confermati, si tradurrebbero nella sua performance peggiore dal 2013.

Un piano per rilanciare l'azienda 

La Casa ha varato lo scorso luglio un piano di risanamento industriale che prevedere nei prossimi anni un corposo taglio dei posti di lavoro (solo quelli che riguarderanno dirigenti e impiegati saranno 4.300), e la chiusura di due stabilimenti.

“Stiamo facendo progressi, ma i volumi di vendita si sono rivelati bassi. Di conseguenza sarà necessaria una ristrutturazione più profonda di quella inizialmente pianificata”, ha dichiarato Makoto Uchida, nuovo ceo e presidente di Nissan, entrato in carica a gennaio dopo la clamorosa uscita di scena a fine 2018 di Carlos Ghosn, accusato di illeciti finanziari, e poi del suo nemico Hiroto Saikawa, a sua volta accusato di compensi illeciti.

Tag

Carlos Ghosn  · Hiroto Saikawa  · Makoto Uchida  · Nissan  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Secondo Reuters, il costruttore si prepara a ridurre di nuovo il target di vendite per 1 milione di unità. In arrivo un piano di risanamento più pesante del previsto

· di Edoardo Nastri

Per rispondere alla crisi, il nuovo ceo Uchida annuncia tagli "senza alcun timore di sorta". E gli azionisti gli chiedono di mettere una taglia per riportare Ghosn in Giappone

· di Giovanni Barbero

Secondo le stime di tre analisti di SmartEstimate, nell'ultimo trimestre 2019 la società giapponese avrebbe realizzato la metà degli utili dell'anno precedente