Ultimo aggiornamento  26 febbraio 2020 11:55

Greenpeace: 4,5 milioni di morti l'anno per smog.

Marina Fanara ·

Sono dati allarmanti quelli che emergono dal rapporto "Aria tossica: il costo dei combustibili fossili"elaborato da Greenpeace Southeast Asia e dal Centre for Research on Energy and Clean Air (Crea): per colpa dell'inquinamento riconducibile all'utilizzo di carbone, petrolio e gas, l'intero pianeta paga un prezzo salatissimo.

Un conto troppo alto

Secondo il rapporto, lo smog provocherebbe in media ogni anno 4,5 milioni di morti premature con un conto economico che supera i 2.659 miliardi di euro (più di 7 miliardi al giorno), circa il 3,3% del prodotto interno lordo (pil) mondiale. Solo l'Italia registrerebbe in media 56mila vittime l'anno mentre il costo sfiora i 60 miliardi di euro.

Bambini ad alto rischio

I più esposti, ancora una volta, sono i bambini. Secondo l'indagine "sono circa 40mila i bambini al di sotto dei 5 anni che muoiono ogni anno a causa dell'esposizione alle polveri sottili Pm2,5 (le più pericolose, ndr) prodotte dalla combustione di fonti fossili, soprattutto nei Paesi a più a basso reddito".

Tag

Combustibili fossili  · Greenpeace  · Inquinamento  · Smog  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Secondo l'ultimo rapporto di Legambiente, dall'inizio dell'anno 5 città hanno già sforato per ben 18 volte il tetto consentito di Pm10. Per gli esperti "i blocchi del traffico non...