Ultimo aggiornamento  29 ottobre 2020 21:28

F1 2020: Renault vuole migliorare.

Umberto Zapelloni ·

La nuova frontiera della Formula 1 è presentare un’auto senza farla vedere. Capita anche questo in un mondo ormai troppo virtuale. La Renault convoca il mondo nel suo atelier sugli Champs-Elysees, ma al momento di mostrare la nuova R.S. 20 compaiono soltanto quattro immagini, dei render 3D abbastanza vaghi, oltretutto con una livrea provvisoria, definita "da test".

Allora perché organizzare un lancio? Non è chiaro. Non resta che affidarsi alle parole del sempre sorridente Daniel Ricciardo, del nuovo arrivato Esteban Ocon e di Pat Fry, ora responsabile del telaio che però ha messo subito le mani avanti: “Penso che il progetto Renault sia stimolante, non solo per il 2020 ma soprattutto per il 2021, con la rivoluzione regolamentare. La maggior parte del mio lavoro verterà sul 2021, ma sarò ovviamente coinvolto anche nel progetto 2020.

Sorpassare McLaren

L’obiettivo minimo è riprendersi il quarto posto tra i costruttori, piazzamento che l’anno scorso è stato occupato dalla McLaren oltretutto spinta proprio dagli stessi motori francesi. E se la squadra clienti, fa meglio della prima squadra il segnale non è buono.

“Non vedo l’ora di amalgamarmi meglio con la squadra dopo un’intera stagione alle spalle – ha detto Ricciardo, al secondo anno ad Enstone – quindi le cose saranno più facili in questo senso. Ho imparato molto su me stesso e ovviamente molto sulla squadra. Uno degli insegnamenti più importanti per me è stato che non si tratta solo di avere con noi il ragazzo più intelligente del paddock, ma è necessario che ogni componente del team tragga il massimo da se stessa. Con le persone con cui si lavora più a contatto bisogna far funzionare tutto al meglio. Devo cercare di aiutarli a dare la migliore versione possibile di loro stessi e quindi anche capire dove io posso fare meglio in quel giorno. Finora mi è piaciuta questa esperienza e ho costruito qualcosa con Renault. Sento una forma di responsabilità, un obbligo di risultati da parte mia. Mi sento molto più fiducioso rispetto allo scorso anno”.

Cyril Abiteboul, il team principal, ha aggiunto: “Riprenderci la quarta posizione tra i costruttori resta l’obiettivo di questa stagione, che sarà molto agguerrita. Per questo 2020 dobbiamo rispettare le tre priorità individuate in inverno: affidabilità fin da subito, alto livello di sviluppo già dalle prime gare, buona conversione dei dati  dal simulatore alla pista”. L’ultima vittoria Renault in Formula risale al Gran premio del Giappone 2008 e la firmò Fernando Alonso. Un’altra epoca.

Tag

Formula 1  · Renault  · Ricciardo  · 

Ti potrebbe interessare

· di Elisa Malomo

71esima edizione al via il 15 marzo, la più lunga della storia se il coronavirus non stravolgerà ancora il calendario: rinviata la gara di Shanghai, torna l'Olanda, debutta il...