Ultimo aggiornamento  31 ottobre 2020 05:51

Aston Martin, arriva Lawrence Stroll e torna in F1.

Angelo Berchicci ·

L’imprenditore Canadese Lawrence Stroll, già proprietario del team di Formula Uno Racing Point, acquisirà il 20% di Aston Martin. Un’operazione dal valore di circa 263 milioni di dollari, che arriva in un momento in cui il brand britannico vive non poche difficoltà nel trovare liquidità, a causa di una diminuzione delle vendite e di un deprezzamento del titolo in Borsa.

Lusso e motorsport a fare da collante

L’investimento di Stroll fa parte di un finanziamento complessivo di circa 500 milioni di dollari che il brand intende raccogliere anche attraverso gli attuali azionisti. In base all’accordo raggiunto con Aston Martin, il magnate canadese entrerà a far parte del consiglio di amministrazione dell’azienda con la carica di presidente esecutivo, al posto di Penny Hughes.

Il ceo della Casa, Andy Palmer, ha dato il suo benestare all’operazione: “Stroll è una personalità ideale per noi. Porta con sé la sua esperienza nel motorsport e in particolare in Formula Uno, ma anche nel mondo del lusso. Due settori a cui il nome di Aston Martin è da sempre legato”. L’imprenditore è attivo anche nel campo della moda con i marchi Pierre Cardin, Ralph Lauren, Michael Kors e Tommy Hilfiger.

Racing Point si trasforma in Aston Martin F1

A sua volta Aston Martin entrerà nel consiglio di amministrazione della Racing Point, il team che Stroll ha creato a fine 2018 dopo aver acquistato la Force India da Vijay Mallya, salvandola dal fallimento. L’accordo prevede che al termine della stagione 2020 di Formula Uno la Racing Point si trasformi in Aston Martin F1, sancendo il ritorno in forma diretta del costruttore britannico alla massima serie. Nella storia della Formula 1, il marchio è stato presente soltanto nel 1959 e nel 1960 per un totale di sole cinque gare.

Come conseguenza, la Casa di Gaydon ha già annunciato che interromperà dal 2021 la sua partnership con il team Red Bull, con cui negli scorsi quattro anni ha ottenuto 12 vittorie e 50 podi. La stagione di Formula Uno che sta per prendere il via sarà quindi l’ultima per Aston Martin in qualità di title sponsor della scuderia austriaca, con cui continuerà a collaborare per la realizzazione della hypercar Valkyrie, il cui primo esemplare dovrebbe essere consegnate entro la fine dell’anno.    

Ti potrebbe interessare

· di Colin Frisell

Il primo trimestre 2020 del marchio inglese è stato difficile: vendite dimezzate, perdite in crescita, ricavi a -60%. Per ripartire si punta sul DBX in arrivo in estate

· di Angelo Berchicci

L'investimento da 536 milioni di sterline del magnate Lauwrence Stroll potrebbe non essere sufficiente per la Casa britannica: "Non abbiamo capitale per i prossimi 12 mesi"

· di Angelo Berchicci

La Casa di Gaydon ha svelato la V12 Speedster, ispirata alle auto da gara degli anni '50 e '60. Due posti secchi, 88 esemplari, 700 cavalli e un prezzo di 885mila euro

· di Edoardo Nastri

Il magnate cinese mette gli occhi addosso al marchio inglese in crisi dopo aver acquisito Volvo, i taxi di Londra, Lotus ed avere investito in Daimler e in Smart

· di Colin Frisell

Secondo la rivista Autocar, il marchio inglese in difficoltà economiche avrebbe cancellato la produzione della sua prima elettrica. Intanto si parla di un interessamento di Geely e...