Ultimo aggiornamento  26 novembre 2022 20:45

Una doppietta per la Scrambler.

Antonio Vitillo ·

Doppia novità per la Ducati Scrambler che aggiunge in listino le nuove versioni 1100 Pro e 1100 Sport Pro. In commercio fin dal prossimo mese di marzo, i due inediti modelli possono contare su motori da 1.079 centimetri cubici di cilindrata e 86 cavalli di potenza. Anche l'autonomia migliora: il serbatoio in acciaio è da 15 litri. Il nuovo rivestimento aggiunge comodità alla sella.

Entrambe le versioni adottano sistemi di controllo elettronici di ultima generazione: dal DTC, il Ducati Traction Control, all'Abs Cornering, efficace anche in curva a moto inclinata. Ad assistere il pilota nelle varie condizioni stradali, o a seconda dello stile di guida, ci sono tre diverse impostazioni: Active, Journey e City, che combinano l'azione dei diversi sistemi di assistenza elettronica.

La "X" metallica e il nero "matt"

La Ducati Scrambler 1100 Pro si distingue per la verniciatura bicolore, il telaio in acciaio e il telaietto posteriore in alluminio, entrambi neri, come lo sono tutte le cover in alluminio. La coda è caratterizzata dal doppio scarico laterale destro e dal porta targa basso, mentre nel faro anteriore c'è una "X" metallica, a ricordare l'usanza in voga negli anni '70, quando nella guida fuoristrada - ma anche in pista - si metteva il nastro adesivo sul vetro per preservarlo parzialmente dalle rotture accidentali.

La 1100 Sport Pro rappresenta la variante più muscolosa della gamma Scrambler, serie di modelli conosciuta anche come "Land of Joy". Verniciata nel colore "matt black", il serbatoio ha le "guance" intercambiabili con il logo 1100. La Sport Pro aggiunge alla versione Pro le sospensioni Ohlins, oltre al manubrio basso, che ha gli specchietti retrovisori posti alle estremità. Prezzi a partire da 13.490 euro.

Ti potrebbe interessare

· di Antonio Vitillo

Rifacendosi agli anni '70, il marchio bolognese - oggi in mani cinesi - presenta una bicilindrica in due versioni che arriveranno nei concessionari con l'estate

· di Angelo Berchicci

Il Ceo di Volkswagen dichiara il suo amore per il marchio a due ruote e sembra smentirne una possibile cessione "Un mito non si possiede, si eredita e lo si preserva per il futuro"...