Ultimo aggiornamento  18 febbraio 2020 20:29

Smart EQ 2020, la prima delle elettriche.

Angelo Berchicci ·

VALENCIA - Nel 1998 ha stupito il mercato delle citycar con i suoi 2.5 metri di lunghezza e due posti secchi. Parliamo della Smart Fortwo, la vetturetta diventata una presenza costante in diverse città italiane con Roma capitale mondiale, nel frattempo giunta alla sua terza generazione. Nel 2020 Smart si conferma una realtà poco incline ai compromessi: l’intera gamma Smart – Fortwo coupé, cabrio e Forfour – è ormai disponibile solo con alimentazione 100% elettrica. Il brand di casa Mercedes è così il primo a mandare definitivamente in pensione i motori endotermici.

Estetica rinnovata 

Rispetto alle precedenti Smart EQ, le vetture non sono cambiate molto. I modelli 2020 portano in dote soprattutto un leggero restyling e un aggiornamento dei servizi digitali. Nel complesso la linea risulta più pulita e minimale, con alcuni accenni alla prima generazione, come la sigla Smart scritta per esteso al posto del logo. A partire dal model year 2020, inoltre, Fortwo e Forfour si differenziano maggiormente nel frontale. Lunghezza invariata: 2,69 metri per la Fortwo e 3,49 per la Forfour.

Piccola fuori grande dentro 

Neanche gli interni vanno incontro ad una rivoluzione. La qualità percepita non è certo quella di una vettura premium ma l’auto risulta comunque più curata della maggior parte delle "normali" utilitarie. La parola d’ordine rimane grande abitabilità: si rimane sempre sorpresi da quanto spazioso sia l’abitacolo in confronto alle ridotte dimensioni esterne, soprattutto per quanto riguarda la Fortwo.

Di tutto rispetto il volume del bagagliaio: i 260 litri della Fortwo (dove è possibile anche abbattere lo schienale del sedile del passeggero) sono un valore superiore a quello di auto più lunghe come la Fiat Cinquecento, mentre per la Forfour si parla di 185 litri, che diventano 975 con i sedili posteriori reclinati. Notevole la visibilità data dall’ampia superficie vetrata che, unita alla seduta piuttosto alta, fa subito sentire a proprio agio anche nei contesti urbani.   

Agile e scattante in città

Nella guida cittadina le precedenti Smart EQ avevano già dimostrato di essere più divertenti delle loro sorelle con motore termico, e nei modelli 2020 il carattere brioso delle vetturette rimane inalterato. I 160 newton metri di coppia disponibili praticamente da subito garantiscono un’accelerazione migliore di quello che si potrebbe pensare guardando ai 60 kilowatt (82 cavalli) di potenza del motore. Le Smart elettriche hanno bisogno di circa 5 secondi per scattare da 0 a 60 chilometri orari, e raggiungono al massimo i 130 chilometri orari, per brevi e sporadici trasferimenti autostradali.

Come da tradizione, motore e trazione sono sull’asse posteriore e questo permette alle Smart di avere un raggio di sterzata sorprendente, utile per entrare e uscire senza difficoltà anche dai parcheggi più stretti. Grazie al pacco batteria da 17,6 chilowattora posizionato nel fondo della vettura, le Smart EQ hanno un baricentro più basso di quelle a motore endotermico, a tutto vantaggio dell’agilità e della prontezza nei cambi di direzione. L’autonomia dichiarata è di 159 chilometri nel ciclo Nedc mentre per quanto riguarda i tempi di ricarica, si va dalle 7 ore circa necessarie dalla presa domestica, alle 4 impiegate per raggiungere il 100% da wallbox o colonnine pubbliche. Queste prestazioni migliorano se si dota la vettura del caricabatteria opzionale da 22 chilowatt, unico modo per poter ricaricare la vettura in 40 minuti (se la velocità delle colonnine lo permette).

Nuova offerta di servizi digitali

L’infotainment è di facile utilizzo, per quanto non sia tra i sistemi più moderni e la risposta ai comandi del navigatore sia piuttosto lenta. Il sistema è comunque compatibile con Android Auto e Mirrorlink, in modo da ricreare sullo schermo della vettura il display del proprio smartphone. Con i modelli 2020 debuttano anche contenuti digitali rinnovati: l’App Smart EQ Control, grazie alla quale è possibile controllare a distanza l’autonomia e lo stato di carica della batteria, oltre ad avviare da remoto il climatizzatore ha ricevuto la compatibilità con l’Apple Watch. Inoltre, da quest’anno i clienti Smart hanno a disposizione anche una seconda applicazione, chiamata Ready to park, che sfrutta una rete di autorimesse convenzionate a Napoli, Roma, Firenze, Genova e Milano per offrire a chi guida una Smart EQ la possibilità di prenotare e pagare il parcheggio e di utilizzare - se presenti – le colonnine di ricarica.

Prezzi immutati 

Nel 2019 la corona di auto elettrica più venduta in Italia è andata proprio alla Smart Fortwo (2.359 unità), grazie anche al suo prezzo di listino di 25mila euro, il più basso per un’auto a batteria. Normale quindi che Smart tenga particolarmente a mantenere in vita entrambi i primati: i prezzi dei modelli 2020 sono infatti rimasti invariati, con la Fortwo Coupé che parte da 25.026 euro, mentre per la Cabrio sono necessari 28.394 euro. Chi invece non può rinunciare alle quattro porte dovrà spendere almeno 25.649 euro per mettersi in garage la Forfour.

Tag

Smart  · Smart EQ  · Smart Eq fortwo  · Smart EQ fourfour  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Gaietta

I due costruttori hanno stretto una joint venture con un investimento di oltre 388 milioni di dollari per costruire nella Repubblica Popolare modelli a batteria del marchio tedesco