Ultimo aggiornamento  09 luglio 2020 16:50

Roma: nuove regole per il car sharing.

Marina Fanara ·

Auto, bici e scooter condivisi disponibili anche in periferia e nel territorio di Roma oltre il Grande raccordo anulare (Gra). Ostia compresa. Finora, infatti, il servizio offerto dalle società di sharing si limita ai quartieri centrali e semicentrali. Ma il Comune vuole un servizio esteso a tutta la Capitale in cambio di sconti sul canone dovuto dagli operatori: più ci si spinge lontano dalle aree del centro meno si paga, fino ad azzerare completamente la tariffa applicata dal Comune.

E' quanto prevede una delibera del Campidoglio (n.306) approvata lo scorso 27 dicembre che detta nuove linee guida per i servizi di sharing mobility. Le regole entreranno in vigore dal prossimo primo maggio "per dare il tempo ai gestori di organizzarsi", dicono in Comune. Nel frattempo restano valide le vecchie norme, in scadenza a fine dicembre scorso, ma che sono state prorogate al prossimo 30 aprile alla luce della nuova delibera.

Gli sconti sui canoni

Al momento, le tariffe che gli operatori di car sharing versano nella casse del Campidoglio sono pari a 1.200 euro l'anno per ciascun veicolo e comprende l'accesso libero in ztl e la sosta gratuita sulle strisce blu, il canone scende a 480 euro ma consente solo il parcheggio gratis negli stalli a pagamento.

Con l'estensione in aree più periferiche i costi comunali dovuti dai gestori scendono progressivamente. Nella zona 4, per esempio, quella esterna alla Fascia verde fino al Gra, lo sconto sulla tariffa annuale piena (1.200 euro a veicolo) va da 90 euro a 540 euro a seconda dell'estensione dell'area operativa (da un minimo di 4 chilometri quadrati a 24 chilometri quadrati).

Per gli operatori che, invece, decidono di operare nel territorio comunale che va oltre il Raccordo anulare (zona 5) o nell'area di Ostia (zona 6) il canone può arrivare a zero, con uno sconto del 100% sulla tariffa richiesta dall'Amministrazione.

Le condizioni: richieste e offerte del Comune

Benefit per i gestori, ma a determinate condizioni: oltre all'estensione dell'area operativa, per esempio, è tassativo assicurare il noleggio 24 ore su 24, il ricambio dei mezzi ogni 4 anni (o ogni 100mila chilometri di percorrenza) con modelli nuovi a più recente motorizzazione (ultima classe Euro del momento) per garantire standard di sicurezza e minore impatto ambientale.

Tra i requisiti per ottenere gli sconti, inoltre, c'è anche quello sul numero minimo di veicoli in flotta (600 mezzi che scendono a 200 se si tratta di modelli elettrici), ma questa parte entrerà in vigore solo all'inizio del 2021, quindi fino a quella data i gestori interessati dovranno solo assicurare l'estensione del servizio.

Dal canto suo il Comune oltre a garantire canoni agevolati si è impegnato anche a realizzare nuovi parcheggi dedicati ai veicoli condivisi oltre a una serie di isole ambientali nei punti più strategici dell'intero comunale (stazioni ferrovie e metropolitane, punti d'interscambio, capolinea mezzi pubblici) dotate, tra le altre cose, di hub per le bici, colonnine di ricarica e totem informativi.

I gestori nella Capitale

Ricordiamo che attualmente a Roma il servizio di car sharing è offerto da Enjoy, Share Now (Car2go e Drive Now insieme), Share'ngo per quanto riguardai servizi in free floating (i veicoli possono essere prelevati e riconsegnati anche al di fuori degli stalli dedicati ma sempre all'interno dell'area operativa), quelli a flusso fisso invece sono offerti da Io guido car sharing, servizio gestito direttamente dal Comune.

Per quanto riguarda il noleggio degli scooter i principali gestori sono Zig Zag, eCooltra e Cityscoot. Quanto al bike sharing, dopo che anche oBike ha abbandonato la Capitale, da ottobre scorso sono disponibili le bici elettriche rosse di Uber Jump a cui si sono affiancate, da novembre, le due ruote a pedalata assistita di Helbiz: si chiamano Greta, in omaggio alla giovane attivista svedese Greta Thunberg.

Tag

Roma  · Sharing mobility  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

La rete di car sharing elettrico del gruppo Volkswagen si estende ad altre 7 città europee. Oltre a Spagna, Francia e Germania, il servizio coinvolgerà anche Milano

· di Redazione

Le polveri sottili tornano a salire: nei giorni 25, 26 e 27 gennaio vietato il transito nella Fascia verde alle auto benzina e diesel fino a Euro 2 e moto e motocicli fino a Euro 1

· di Marina Fanara

L'allarme smog non rientra: stop alla circolazione per tutte le auto a gasolio venerdì 17 gennaio. Il 19 gennaio prima domenica ecologica: ferma la maggior parte dei veicoli

· di Carlo Cimini

Il servizio di bici elettriche condivise della società di micro mobilità è già attivo nella Capitale. Il nome della due ruote è un omaggio all'attivista svedese. Parte la sfida a...