Ultimo aggiornamento  29 settembre 2020 16:58

L'Adas di Ford che avverte del pericolo.

Sonia Mercuri ·

Gli Adas (i sistemi avanzati di assistenza alla guida) sono sempre più intelligenti. L'ultima novità è il Local Hazard Information (Lhi) di Ford. Il sistema sfrutta i dati raccolti e analizzati dal cloud di Here Technologies (partner della Casa di Detroit) e si basa su una rete a cui sono connesse più auto, anche di marchi diversi.

Il veicolo che incontri un ostacolo lungo il tragitto è in grado di inviare una segnalazione al sistema centralizzato che, a sua volta, avverte del pericolo in modalità autonoma tutti i mezzi che percorrono lo stesso tratto di strada. Più vetture sono collegate tra loro, più il sistema sarà efficiente.

Va in autonomo

Il Local Hazard Information non ha bisogno dell'attivazione da parte del conducente, intervento invece richiesto dai sistemi precedenti. È in grado di gestire frenata di emergenza, fari fendinebbia, trazione per superare eventuali ostacoli e affrontare condizioni difficili causate da eventi metereologici improvvisi, come grandinate, ghiaccio o banchi di nebbia, frane lungo il percorso o addirittura esondazioni.

“Un passo in avanti”

“Il sistema non si appoggia ad applicazioni di terze parti, e questo è un importante passo in avanti. Gli avvisi di pericolo sono specifici, rilevanti e pensati per aiutare a migliorare il viaggio", ha spiegato Joerg Beyer, direttore del reparto ingegneria di Ford Europa.

LHI è già disponibile di serie sulla nuova Puma e verrà introdotto, entro la fine del 2020, a bordo di oltre l'80% dei modelli Ford. 

Tag

ADAS  · Ford  · Local Hazard Information  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Fondazione Filippo Caracciolo di ACI e Bosch presentano a #ForumAutoMotive uno studio sull’efficacia dei sistemi ADAS. Le più "anziane" anche le più pericolose