Ultimo aggiornamento  19 febbraio 2020 11:01

Gpl e metano, dove porta la terza via.

Angelo Berchicci ·

Escluse dai blocchi del traffico, anche quelli più rigorosi come nella Capitale. Le auto bi-fuel, ovvero quelle che funzionano sia a benzina sia a Gpl o metano, sono state a lungo considerate un’alternativa alle alimentazioni convenzionali, tanto che a partire dagli anni ’90 si è assistito ad un boom di queste motorizzazioni, sostenuto dagli incentivi ministeriali finiti poi nel 2014. Nell’ultimo periodo stiamo però assistendo ad una ripresa di questo settore, complice il fatto che per molti costituisce una scelta in generale meno costosa rispetto all’elettrificazione.

Buona prestazione per il metano

In Italia nel 2019 le immatricolazioni di auto a metano sono cresciute del 3% (38.620 unità), raggiungendo una quota di mercato del 2%, il valore più alto a livello europeo. Nel vecchio continente il nostro Paese è in testa per quanto riguarda tale soluzione, con circa un milione di veicoli circolanti. La vettura con questa alimentazione più venduta è stata la Volkswagen Golf (5.745 unità), seguita dalla Volkswagen Up! (5.629) e dalla Fiat Panda (4.667).

Leader in Europa per il Gpl

Il Gpl fa registrare performance ancora migliori, sia in termini di variazione percentuale che di valore assoluto: nel 2019 in Italia sono state immatricolate 136.841 auto con questa alimentazione, in crescita del 9,1%. La quota di mercato è passata dal 6,5% del 2018 al 7,1%, un vero e proprio unicum in Europa, dove invece la media si attesta attorno allo 0,4%.

I veicoli a Gpl circolanti nel nostro Paese sono 2,5 milioni e l’auto più gettonata lo scorso anno è stata la Dacia Duster (23.398 unità), con al secondo posto la Fiat Panda (21.391) e al terzo la Lancia Ypsilon (18.409).

Sempre idrocarburi ma più puliti

Il metano (chiamato talvolta gas naturale) e il Gpl sono idrocarburi, il cui utilizzo come combustibile - al pari di benzina e diesel - produce anidride carbonica e altre sostanze inquinanti. Tuttavia, a differenza dei due più diffusi carburanti, le emissioni di CO2 sono inferiori di una quantità che può variare tra il 10 e il 20%, a seconda dei casi. Vantaggi si possono poi ottenere per quanto riguarda gli ossidi di azoto (NOx), soprattutto nei confronti dei diesel, rispetto ai quali i valori possono arrivare ad essere anche più di quattro volte inferiori

Tag

Bifuel  · Blocco circolazione  · Gas naturale  · GPL  · Metano  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

I blocchi del traffico coinvolgono ormai anche le auto nuove: per aggirarli serve puntare sulle emissioni zero. Ma, nonostante enormi tassi di crescita, il settore rimane marginale

· di Alessandro Marchetti Tricamo

Fermare i diesel di ultima generazione non ha alcun valore per la salute dell'aria. Servono piuttosto provvedimenti strutturali per rinnovare il parco e promuovere mobilità...

· di Marina Fanara

Domani martedì 14 gennaio si fermano i veicoli a gasolio, anche quelli di nuova generazione, nella ztl Fascia verde. Il divieto è scattato dopo 5 giorni di polveri sottili oltre i...