Ultimo aggiornamento  20 gennaio 2020 21:38

Sk Innovation alla conquista degli Usa.

Sonia Mercuri ·

Sk Innovation, azienda della Corea del Sud produttrice di accumulatori per le auto elettriche, ha confermato l'intenzione di espandere i propri stabilimenti con la costruzione di un secondo impianto negli Usa e l'aumento della capacità produttiva di quello già operativo in Ungheria.

Accordo con Volkswagen

Sk Innovation ha in programma di costruire un nuovo  stabilimento nello stato americano della Georgia con una capacità produttiva attorno alle 10 gigawattora. L'investimento richiesto si avvicinerebbe a un miliardo di dollari. L'azienda coreana non ha fatto sapere se ha già pronti accordi con costruttori presenti negli Usa.

Il primo sito di Sk negli Stati Uniti - in Tennessee - è costato 1,68 miliardi di dollari ed è stato realizzato per sostenere la fabbrica di auto elettriche che Volkswagen sta costruendo a poca distanza e che dovrebbe entrare in funzione a partire dal 2022.

La politica di collaborazione con il costruttore tedesco influisce anche sulla decisione di avviare i lavori per aumentare la capacità produttiva del suo impianto in Ungheria e che serve proprio a rifornire il marchio di Wolfsburg da 10 a 16 gigawattora. Il ceo di Sk innovation Kim Jung ha parlato di "possibile joint venture" con i tedeschi per crescere ancora insieme.

Il manager ha confermato di aspettarsi una crescita degli investimenti dei produttori asiatici per costruire gli accumulatori direttamente nei Paesi dove vengono realizzate le vetture, per aggirare i problemi legati alla guerra dei dazi, ottimizzare la tempistica con con seguente riduzione dei prezzi e sfidare i colossi cinesi come Catl (Contemporary Amperex Technology) che dominano ancora il mercato. 

Sfida giudiziaria

I movimenti della Sk Innovation saranno seguiti con grande attenzione dalla connazionale Lg Chem, anch'essa in forte espansione soprattutto negli Stati Uniti dove ha siglato solo pochi mesi fa un accordo con General Motors per un nuovo impianto da due miliardi di dollari in Ohio. Le due aziende rivali sono coinvolte in una causa giudiziaria avviata nell'aprile 2019 quando Lg accusò Sk di appropriazione indebita di dati segreti e chiese all'Us Trade Commission (Commissione americana del commercio internazionale) di impedire le importazioni delle batterie agli ioni di litio dei rivali negli States. I programmi di entrambi le aziende in terra americana potranno quindi essere messi in discussione dall'esito giudiziario.

Tag

Corea del Sud  · Gruppo Volkswagen  · LG Chem  · SK Innovation  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Lg Chem e Ski Innovation vanno in causa per "appropriazione indebita di segreti commerciali". A rischio la produzione di auto elettriche negli Stati Uniti