Ultimo aggiornamento  18 febbraio 2020 11:17

Bentley, prima elettrica nel 2025.

Angelo Berchicci ·

E’ un inizio di decennio pieno di aspettative per Bentley. Reduce da un periodo non brillante, soprattutto a causa dei ritardi nel rinnovare la gamma, il brand del lusso di casa Volkswagen mira a far registrare un 2020 record e soprattutto a gettare le basi per il suo primo veicolo completamente elettrico, atteso per il 2025.

Difficoltà superate

Le difficoltà vissute dal costruttore nel 2018 (quando ha fatto segnare una diminuzione del 13,6% nelle vendite) sembrano già essere state archiviate. Con l’arrivo nelle concessionarie delle nuove Continental GT, nei primi sei mesi dell’anno appena concluso il marchio era già tornato a far registrare profitti. Ora tra le aspettative del ceo Adrian Hallmark (ritornato in Bentley nel 2018, dopo 13 anni lontano da Crewe, di cui 7 passati in Jaguar Land Rover) c’è quella di aver chiuso un 2019 con segno positivo, e di puntare ad un 2020 ancora migliore.

“Abbiamo dovuto scontare un ritardo di 18 mesi nel rimpiazzare la Flying Spur e la Continental GT convertibile e coupé, le cui vendite in Cina sono iniziate solo a dicembre. Con l’arrivo dei nuovi modelli sul mercato cinese pensiamo di aver fatto registrare un buon anno, ma non un record. Per quello aspettiamo il 2020”, ha dichiarato il manager, intervistato da Automotive News Europe.

Obiettivo elettrificazione

Quando si parla dei progetti futuri del brand, Hallmark è netto: “Puntiamo tutto sull’elettrificazione. Per ora stiamo cercando di rendere l’azienda più forte, di tagliare i costi e tornare alla profittabilità. Vogliamo avere un’idea chiara di quando sarà il momento giusto per introdurre la prima vettura full-electric. Al momento, la data più credibile è il 2025. Di conseguenza, i prossimi investimenti saranno dedicati allo sviluppo di una Bentley a batteria”.

Una piattaforma apposita

Difficile per ora riuscire a farsi un’idea di come sarà il primo veicolo a zero emissioni di Crewe. In base a quanto dichiarato dal ceo, in Bentley vorrebbero realizzare la vettura su una nuova architettura piuttosto che sulla PPE, la piattaforma elettrica premium del gruppo, realizzata da Audi in collaborazione con Porsche.

L’auto avrà i vantaggi in termini di abitabilità tipici delle vetture elettriche, che potrebbero essere particolarmente apprezzati dal pubblico a cui si rivolge il brand (“ottimizzata per lo spazio a bordo” l’ha definita Hallmark), e potrebbe inserirsi sia all’interno della gamma classica, sia dare vita ad un modello inedito, in base a quello che il mercato chiederà.

“Di sicuro - precisa il manager – non proveremo ad elettrificare un’auto già esistente, perché sarebbe un compromesso per quanto riguarda efficienza e autonomia". Si tratterà quindi una vettura sviluppata appositamente per essere elettrificata, e il ceo non ha escluso l'utilizzo di una tecnologia innovativa come gli accumulatori allo stato solido al posto di quelli agli ioni di litio: "Queste batterie sono circa il 30% più leggere di quelle standard. Non posso garantire che opteremo per questa soluzione ma ci stiamo lavorando".

Tag

Auto Elettrica  · Bentley  · Elettrico  · Gruppo Volkswagen  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

La Casa inglese porta al debutto la terza generazione della sua berlina. Obiettivo: offrire più tecnologia e piacere di guida senza rinunciare a comfort e lusso

· di Paolo Odinzov

Il costruttore punta a diventare il primo al mondo nel lusso per sostenibilità, grazie alla elettrificazione della gamma e a fonti energetiche rinnovabili nella produzione