Ultimo aggiornamento  28 febbraio 2021 02:55

Monopattini, via alla circolazione.

Elisa Malomo ·

È ufficiale, con la legge 160 del 27 dicembre 2019 del Codice della Strada si dà il via libera alla circolazione di monopattini elettrici su tutte le strade d'Italia.

Il testo normativo entrato in vigore il primo gennaio 2020 e incluso nella Manovra finanziaria pubblicata in Gazzetta ufficiale, equipara i microveicoli a batteria alle bici: “I monopattini che rientrano nei limiti di potenza e velocità definiti dal decreto del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti 4 giugno 2019, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 162 del 12 luglio 2019, sono equiparati ai velocipedi di cui al codice della strada, di cui al decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285”.

Fino alla scorsa estate l'uso dei microveicoli era consentito solo in alcune aree private chiuse al pubblico e ogni comune italiano godeva di una regolamentazione a parte. Ora non è più così: i monopattini - fino a oggi vietati dalla legge italiana - diventano finalmente legali.

Non saranno permessi invece sui marciapiedi. La potenza massima è di 500 Watt, e la velocità non può essere superiore ai 20 chilometri orari.

Luci e segnali acustici

Da mezz’ora dopo il tramonto, durante tutto il periodo dell’oscurità e di giorno, qualora le condizioni atmosferiche richiedano l’illuminazione, tutti i dispositivi mancanti di luce anteriore bianca o gialla fissa e posteriormente di catadiottri rossi e di luce rossa fissa, utili alla segnalazione visiva, non possono essere utilizzati, ma solamente condotti o trasportati a mano.

Si aggiunge inoltre l'obbligo del segnalatore acustico e di un regolatore configurabile in funzione dei limiti previsti. Oltre ai monopattini elettrici, tra le tipologie dei dispositivi ammessi figurano anche gli hoverboard, segway e i monoruota.

Cosa non è ancora chiaro

Se da una parte, con l'ingresso della nuova normativa, si delineano finalmente le direttive e i comportamenti da adottare a bordo dei monopattini elettrici, dall'altra restano ancora dei dubbi da chiarire. Fra questi la polizza assicurativa sulla persona, non obbligatoria e utile per la messa in sicurezza del conducente, o la sanzionabilità del veicolo dal momento che non dispone di una targa.

Tag