Ultimo aggiornamento  05 agosto 2020 21:52

Fca rassicura: il "piano Italia" va avanti.

Redazione ·

Il piano di investimenti da 5 miliardi di euro entro il 2022, previsto per l'Italia da Fca per ibridizzazione ed elettrificazione andrà avanti senza ripensamenti anche dopo la fusione con Psa annunciata nei giorni scorsi. Lo ha confermato, nel previsto incontro con i sindacati del nostro Paese, Pietro Gorlier, responsabile delle attività europee del gruppo italo-americano.

All'incontro - che si è svolto a Mirafiori - erano presenti i segretari generali di tutte le associazioni sindacali coinvolte, Fil, Uilm,Fismic, Ugl metalmeccanici e quadri. Al termine, in un meeting separato, il ceo Emea ha incontrato anche la Fiom.

Piena occupazione

Al termine della riunione Marco Bentivogli, segretario generale della Fim, ha ricordato come Gorlier abbia "garantito piena occupazione entro il 2022". Il rappresentante sindacale ha anche sottolineato - circa la presenza di rappresentanti dei lavoratori nel consiglio di amministrazione della nuova società - che "si dovrà ragionare sui criteri per la scelta". Bentivogli ha concluso: "Verificheremo le sinergie sulle piattaforme, sui modelli e i motori. Un punto debole della alleanza è il mercato asiatico".

Rocco Palombella, segretario generale Uilm ha invece sottolineato: "I 3,7 miliardi di euro di risparmi annuali, da conseguite a regime con la fusione Fca-Psa, saranno raggiunti senza chiusure di stabilimenti, ma con economie di scala su investimenti e forniture. Il nostro compito resta comunque quello di vigilare su eventuali ricadute occupazionali perché ogni fusione, per sua natura, comporta opportunità ma anche rischi"

Tag

Fca-Psa  · Pietro Gorlier  · Sindacati  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

La nuova società è il quarto costruttore di automobili al mondo per volumi, il terzo per fatturato. Elkann presidente, Tavares ceo. Sede in Olanda. Nessuna chiusura di stabilimenti