Ultimo aggiornamento  28 novembre 2020 13:07

Acea, Mike Manley nuovo presidente.

Linda Capecci ·

Mike Manley, ceo di Fca (Fiat Chrysler Automobiles) è stato eletto nuovo presidente dell'Acea (Associazione europea dei costruttori dell'automobile). Un ruolo nel quale dovrà tenere conto anche dell'European Green Deal, il nuovo piano per lo sviluppo sostenibile all'insegna della neutralità climatica presentato mercoledì 11 dicembre da Ursula von Der Leyen, da pochi giorni a capo della Commissione europea.

La carica

A partire da gennaio del prossimo anno l'inglese Manley subentrerà a Carlos Tavares, presidente del consiglio di amministrazione del gruppo Psa, che è stato alla guida di Acea per due mandati consecutivi; 2018 e 2019.

Il presidente entrante vanta un curriculum d'eccezione: in precedenza amministratore delegato di Jeep, capo del marchio Ram e Chief Operating Officer per l'Asia. È inoltre stato anche tra i principali dirigenti per le attività internazionali di Chrysler.

Piano verde

Per l'associazione europea dei costruttori dell'automobile le priorità per il prossimo anno riguardano lo sviluppo di un percorso mirato al contenimento delle emissioni di CO2 nel trasporto.

La Commissione europea potrebbe prevedere infatti una revisione - entro giugno 2021 - della normativa sugli standard di emissioni di CO2 per auto e furgoni attualmente fissati, a partire dal 2020 - a un massimo di 95 grammi per chilometro su tutta la gamma.

Gli obiettivi

Dunque Acea intende muoversi verso l'ecosostenibilità ma al contempo mira a garantire l'autosufficienza dell'industria automobilistica europea.

"Come settore vogliamo assumere un ruolo guida e trasformare la mobilità in modo che metta al primo posto il consumatore, restando competitivi a livello globale", ha affermato Manley.

Tag

Acea  · European Green Deal  · FCA  · Manley  · zero emissioni  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Green Deal (e digitalizzazione), le sfide della nuova presidente della Commissione europea. Investimenti per 3mila miliardi di euro entro il 2050. La risposta di Conte