Ultimo aggiornamento  14 agosto 2020 04:47

Hyundai Ioniq, restyling elettrico.

Carlo Cimini ·

MILANO - Dall’esordio nel 2016 – da allora 60mila unità vendute nel mondo - Hyundai Ioniq, prima e unica auto sul mercato a offrire tre differenti motorizzazioni elettriche, presenta novità estetiche e tecnologiche. La più rilevante riguarda senza dubbio la capacità della batteria della versione full electric che da 28 passa a 38,3 chilowattora: tradotti, circa 310 chilometri di autonomia completamente a zero emissioni (circa 60 in più rispetto a prima) con una singola carica. 41mila euro per la versione Tech e 43.650 per la Prime, incentivi statali e regionali esclusi.

Abbiamo provato la Hyundai Ioniq a batteria tra le strade della periferia milanese. La berlina coreana, grazie al motore elettrico da 136 cavalli di potenza (100 chilowatt), dispone di un ottimo spunto e la guida risulta agile e fluida. La funzionalità Smart Regenerative Braking controlla autonomamente il grado frenata e grazie alla nuova modalità Eco+ – in aggiunta a Eco, Comfort e Sport – e possibile estendere l’autonomia elettrica.

Il modello, poi, è equipaggiato con un caricatore a bordo da 7,2 chilowatt per la ricarica a corrente alternata, migliorato rispetto a quello precedente da 6,6. Con le colonnine super fast si può possibile rigenerare la batteria fino all’80% in soli 54 minuti.

Tecnologia per tutti 

Hyundai Ioniq 2019 presenta la piattaforma di connettività Blue Link (allestimento Prime) che permette al guidatore di gestire da remoto tramite app l'impianto di climatizzazione, accensione e spegnimento del veicolo, ma anche l'apertura e la chiusura centralizzata e la funzione Car Finder (se non trovi l'auto, suona o lampeggia). Inoltre è possibile controllare lo stato di carica della batteria direttamente sul proprio smartphone, pianificando i cicli di ricarica. Oltre a questo aggiornamento, Hyundai introduce inoltre eCall, il sistema di chiamata di emergenza automatica che si attiva in caso di incidente.

Il sistema infotainment dispone di un display touchscreen da 10,25 pollici con navigatore, a richiesta, dotato di Live Services - informazioni su meteo, traffico, parcheggi e stazioni di ricarica, in abbonamento gratuito per i primi 5 anni – e compatibile con Android Auto e Apple CarPlay (questi ultimi di serie). E non è l’unico schermo perché da quest’anno ne è presente un secondo dietro al volante da 7 pollici.

La Ioniq ha di serie i sistemi di guida assistita SmartSense che monitorano costantemente l'ambiente attorno al veicolo. Ne fanno parte il rilevamento della stanchezza del guidatore, il mantenimento attivo della corsia e la frenata automatica con riconoscimento di veicoli, pedoni e ciclisti. A questi si aggiungono il Lane Assist, regola lo sterzo per mantenere la vettura al centro della corsia di marcia, e il Cruise Control adattivo che utilizza camera, radar e informazioni ricevute dal sistema di navigazione per riconoscere i limiti di velocità. Completano il pacchetto, il rilevatore dell’angolo cieco e la gestione automatica dei fari abbaglianti. 

Tag

Auto Elettrica  · Hyundai  · Hyundai Ioniq  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Il suv a batterie sarà assemblato anche in Repubblica Ceca. Per i clienti del Vecchio continente diminuiscono i tempi di attesa, e nel 2020 disponibili 80mila auto a zero emissioni

· di Carlo Cimini

Durante un evento organizzato dalla Casa automobilistica, global partner della AS Roma, abbiamo guidato la berlina coreana in versione elettrica plug in. Risultati positivi