Ultimo aggiornamento  09 agosto 2020 02:19

Monopattini a Milano, da oggi si parte.

Marina Fanara ·

Terminata la posa dei 130 cartelli stradali, da oggi 9 dicembre, a Milano i microveicoli elettrici possono iniziare a circolare nelle aree stabilite dal Comune: per segway e monopattini è consentito il transito in aree pedonali, ciclabili, ciclopedonali e zone 30 con un limite di velocità pari a 20 chilometri orari, hoverboard e monoruote invece possono circolare esclusivamente nelle aree pedonali a non più di 6 chilometri l'ora. 

Qui il transito è vietato

Ci sono però delle eccezioni: è vietato l'uso dei micro veicoli su aree o porzioni di esse con pavimentazione in pietra di fiume, su corsie preferenziali (anche in zone 30) contigue ai binari del tram (a meno che non siano in una sede stradale separata), nei parcheggi a fondo cieco e nelle gallerie pedonali. Tutte queste tratte interdette al transito sono comunque segnalate dai cartelli.

Palazzo Marino ricorda che la sperimentazione terminerà a luglio del 2021 così come previsto dalle linee guida del ministero Infrastrutture e trasporti pubblicate lo scorso giugno.

Granelli: non sono giocattoli

"Questa iniziativa per noi è molto importante", sottolinea Marco Granelli, assessore alla Mobilità, "ne verificheremo l'andamento con attenzione e interesse. Mi preme ribadire che monopattini e altri micro mezzi elettrici, al pari delle biciclette, contribuiscono a migliorare la qualità della mobilità urbana ma è necessario che vengano usati con molto buonsenso".

"Le strade sono di tutti", spiega l'assessore, "e i marciapiede appartengono ai pedoni, per questo siamo stati chiari nel definire gli ambiti dove i nuovi dispositivi possono circolare proprio per garantire la sicurezza di tutti. Chi usa questi mezzi deve farlo con prudenza e attenzione perché non sono giocattoli".

Mezzi e sosta: i requisiti

I cartelli stradali, posizionati lungo la cintura esterna della città, servono proprio per indicare con chiarezza le strade dove è consentita o è vietata la circolazione dei microveicoli che comunque dovranno possedere determinati requisiti di legge: essere omologati e disporre di limitatori di velocità e sistemi di illuminazione.

Regole precise anche per la sosta: monopattini e affini devono essere parcheggiati negli stalli dedicati alle biciclette (ce ne sono più di 4.300 nella sola Cerchia dei Navigli e oltre 32mila in tutta la città) oppure ai lati della strada (se non chiaramente vietato) nel pieno rispetto del Codice della strada e senza creare intralcio o pericoli per altri veicoli o persone.

Quasi pronti allo sharing

Il Comune infine annuncia che a breve i microveicoli potranno anche essere noleggiati: sono stati scelti i tre operatori (si tratta di Wind Mobility, Bit Mobility e Heibiz Italia) che avvieranno il servizio di sharing ognuno con 750 mezzi per un totale di 2.250 dispositivi a disposizione dei cittadini.

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Rapporto Sole 24 Ore: il capoluogo lombardo conquista di nuovo il primo posto tra le province italiane. Sul podio si conferma anche Bolzano mentre Trento sale al terzo posto

· di Marina Fanara

Lo prevede un emendamento alla Manovra approvato dalla commissione Bilancio della Camera per equiparare, ai sensi del Codice della strada, i microveicoli elettrici ai velocipedi

· di Marina Fanara

Wind Mobility, Bit Mobility e Heibiz Italia: sono questi gli operatori selezionati dal bando del Comune per i servizi di noleggio. Si parte con 2.250 dispositivi a batteria