Ultimo aggiornamento  18 febbraio 2020 20:00

Batterie, ok ai fondi per la ricerca.

Paolo Borgognone ·

La Commisisone di Bruxelles ha dato il via libera a un importante progetto di comune interesse europeo (Ipcei) che riguarda ricerca e sviluppo del settore delle batterie, in particolare quelle per le auto elettriche.

L'Italia contribuirà all'Ipcei con 570 milioni di euro. Le principali imprese nazionali coinvolte nel progetto e che si occupano in particolare di materiali innovativi, celle, sistemi di batterie e riciclaggio, sono Faam, Endurance, Enel X, Kaitek e Solvay.

Progetto comune

Presentata in comune da sette differenti Paesi - Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Italia, Polonia e Svezia - l'iniziativa verrà finanziata complessivamente con 3,2 miliardi di euro e il suo scopo è quello di sostenere ricerca e innovazione nel settore degli accumulatori, ritenuto "prioritario per l'Europa", come si legge nel documento con cui viene dato l'ok all'erogazione di denaro da parte degli stati.

Alla cifra stanziata dai membri dell'Unione si conta di affiancare anche altri 5 miliardi di euro provenienti dall'industria privata entro il 2031. I principali Paesi investitori sono la Germania (1,25 miliardi) e la Francia (960 milioni).

"Interesse strategico"

"La produzione di batterie in Europa - ha commentato Margrethe Vestager, vicepresidente esecutiva designata per 'Un'Europa pronta per l'era digitale' e Commissaria responsabile per la concorrenza - riveste un interesse strategico per l'economia e la società dato il suo potenziale in termini di mobilità pulita e di energia, creazione di posti di lavoro, sostenibilità e competitività. I nostri importanti progetti di comune interesse favoriscono la cooperazione tra autorità pubbliche e industrie di diversi Stati membri per la realizzazione congiunta di ambiziosi progetti di innovazione con ricadute positive per i settori industriali e le regioni. L'aiuto approvato garantirà che questa iniziativa possa essere realizzata senza falsare indebitamente la concorrenza".

Tag

Batterie  · Commissione europea  · Italia  · 

Ti potrebbe interessare