Ultimo aggiornamento  04 aprile 2020 05:34

La Compagnia dei cuscinetti frena il traffico.

Linda Capecci ·

Roma è una città pericolosa per chi si muove a piedi: solo nel 2018, nella capitale hanno perso la vita 143 pedoni su un totale di 445 in tutta Italia. Una strage dovuta al mancato rispetto delle strisce pedonali e dei limiti di velocità quando si guida in ambito urbano. Nel concitato traffico romano, in cui troppo spesso chi attraversa viene maleducatamente incalzato a colpi di clacson, arriva la Compagnia dei cuscinetti: un'iniziativa di “Grande come una città”, un movimento di cittadini nato proprio nella Capitale per promuovere l'incontro e il confronto tra persone, nella condivisione di valori come inclusione e non violenza - che in questo caso ha la missione di aiutare anziani, bambini e persone in difficoltà ad attraversare. Il gruppo di volontari opera a Roma, nel III municipio, e ha assunto un peso e un valore al di sopra delle sue stesse aspettative.

Una missione dolce

Lunedì 25 novembre, in via Nomentana davanti all'ex cinema Espero, Valerio Gatto Bonanni, 40 anni, regista e organizzatore teatrale ha aperto la strada del movimento, accompagnando i pedoni sulle strisce da una parte all'altra della strada, coperto dalla testa ai piedi di morbidi e variopinti cuscini.

"Ci ispiriamo all'ex sindaco di Bogotà, Colombia Antanas Mockus, che credeva molto nella potenza delle azioni simboliche e aveva adottato clown al posto dei vigili urbani - spiega Valerio - le infrastrutture sono essenziali ma è ugualmente importante una profonda campagna di educazione dei cittadini. C’è troppa aggressività al volante: noi vogliamo suscitare una riflessione, magari strappando anche un sorriso".

Più sorrisi, meno frenate brusche

Una buona idea: i "paladini" degli attraversamenti pedonali sono ad alta visibilità, armati di soli cuscini colorati e a colpi d'ironia riescono a frenare il nervosismo e l’impazienza degli autisti, costretti a rallentare e forse a rendersi conto di quanto sia stupido spingere troppo il piede sull'acceleratore.

“Solo frenate dolci” e "circolazione dolce" recitano i claim degli attivisti, che sono alla ricerca di volontari sulla loro pagina Facebook. Un progetto da seguire e supportare: il problema degli attraversamenti pedonali non potrà risolversi con uno schiocco di dita ma se fossero presi d'esempio in altre aree municipali forse qualcosa cambierebbe nel traffico della capitale.

Tag

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Studio dell'Etcs, di cui è partner anche l'Automobile Club d'Italia: le strade urbane sono a rischio per gli utenti vulnerabili, il 70% delle vittime degli incidenti. Focus su Roma