Ultimo aggiornamento  26 gennaio 2020 13:22

Como: a lezione di guida sicura.

Redazione ·

Anche quest’anno, in occasione delle giornata mondiale in ricordo delle vittime degli incidenti stradali del 17 novembre, l’Automobile Club di Como, in collaborazione con il network di autoscuole Ready2Go e gli istruttori di guida sicura ACI, ha organizzato per gli studenti dell’Istituto I.S.I.S. Paolo Carcano di Como, presso il Driver Park, lezioni di guida sicura sia teoriche che pratiche. Durante queste ultime le attività più rilevanti sono come evitare l’ostacolo, slalom dinamico, affrontare asfalto a bassa aderenza fino ad indossare gli occhiali che simulano uno stato di ebbrezza.

Gli incidenti stradali a Como

Per quanto riguarda i numeri nel 2018 a Como sono stati rilevati 1.587 incidenti con 2.196 feriti e 22 morti (nel 2017: -10 sinistri e -56 feriti, invariati i decessi). “Si deve lavorare molto sull’educazione stradale - ha dichiarato Enrico Gelpi, presidente dell’Automobile Club di Como - soprattutto sui neopatentati che sono le vittime più esposte. ACI è in prima linea per quanto riguarda la formazione e la prevenzione. Tutti devono concorrere affinché questi numeri, ancora tragici, possano calare".

Le strade più pericolose a Como

Se a livello nazionale la statale dei Giovi è la più pericolosa (ma non nei tratti che interessano la provincia lombarda), a Como la SS 583 Lariana e la SS 140 Regina sono le due arterie con il maggior numero di morti.

Tag

ACI  · ACI Como  · Como  · Ready2Go  · Sicurezza stradale  · 

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Iniziativa ACI e Federazione Italiana Associazioni Donatori di Sangue in un liceo di Mesagne (BR) per insegnare il valore del rispetto delle regole sulla strada

· di Redazione

Nel 2018 in Italia il maggior numero sono avvenuti in città, a seguire sulle arterie extraurbane e sulle autostrade. 1.344 decessi e 59.853 feriti: è ancora strage

· di Marina Fanara

Nell'ambito del programma europeo E-SharE Life, il Comune lancia un sistema di auto condivisa a zero emissioni a cominciare dagli albergatori della zona