Ultimo aggiornamento  12 dicembre 2019 14:10

Share Now: attiva la nuova app.

Linda Capecci ·

Share Now, l'operatore nel campo del car sharing a flusso libero di Bmw e Daimler, annuncia un nuovo importante passo verso l'integrazione dei servizi Car2Go e DriveNow.

Nelle prossime settimane agli utenti di DriveNow verrà richiesto di passare alla nuova app di Share Now - disponibile dal 12 novembre – mentre a quelli di Car2Go basterà effettuare un aggiornamento tramite lo store del proprio smartphone. In contemporanea verrà lanciato il nuovo sito web del servizio.

Due in uno

Il cambiamento più grande avrà effetto sui clienti delle città in cui le due compagnie hanno finora operato distintamente: Berlino, Amburgo, Monaco, Colonia, Dusseldorf, Vienna e Milano. Entro il primo trimestre del 2020 le flotte delle due società verranno gradualmente unite. La capitale austriaca sarà la prima a usufruire di questo matrimonio, mentre in Italia, invece, i veicoli Mini, Bmw e Smart saranno prenotabili sulla nuova - unificata - piattaforma Share Now, solo a partire dal prossimo anno. Fino ad allora l'app di DriveNow potrà essere utilizzata come sempre.

In evoluzione

In tutte le aree urbane in cui già erano disponibili Car2Go e DriveNow, i servizi verranno ampliati; a Milano, unica città italiana in cui le due società erano già operative, Share Now gestirà l'area di 123 chilometri quadrati in cui era operativa DriveNow.

A Roma, Firenze e Torino invece, non verranno apportate modifiche alla struttura delle aree operative, in ogni caso i clienti potranno rimanere aggiornati e informati tramite newsletter e sito web: gli utenti di DriveNow potranno continuare ad utilizzare la propria app fino a quando la flotta del servizio verrà integrata nella nuova, firmata Share Now.

Tag

BMW  · Car2Go  · DriveNow  · share now  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Al via una nuova formula di car sharing: possibilità di noleggiare l'auto fino a due settimane consecutive con prezzi (solo per il periodo di promozione) da 17 euro al giorno

· di Patrizia Licata

Mossa anti-Uber di Daimler e Bmw: i due colossi tedeschi sarebbero pronti a unire i propri servizi di car sharing per diventare più competitivi