Ultimo aggiornamento  27 settembre 2020 16:16

Waymo, addio al Texas.

Paolo Borgognone ·

Waymo dice addio alla sua storica sede di Austin in Texas e sposta le attività finora svolte qui in altre città degli Usa, in particolare Phoenix e Chicago, dove verranno trasferiti anche i dipendenti.

Si tratta di un fatto storico soprattutto se si pensa che è proprio ad Austin che – nel 2015 - avvenne il primo viaggio di test di una vettura condotta dall’intelligenza artificiale su una strada aperta al pubblico negli Stati Uniti. Quel giorno “alla guida” della Toyota Prius dotata di software e hardware specifico di Waymo, sedeva un non vedente, Steven Mahan.

Opportunità di trasferimento

Waymo in un comunicato ha affermato che la chiusura della sede texana non significa un ridimensionamento dei suoi programmi. Ai dipendenti verrà offerta l'opportunità di trasferirsi, mentre sono i collaboratori esterni e gli appaltatori che rischiano di perdere il posto.

"Vogliamo riunire i nostri team operativi - ha detto un portavoce della società spin off di Alphabet alla rete tv Cnbc  - per supportare al meglio lo sviluppo della tecnologia e il nostro servizio di ride-hailing già attivo a Phoenix, Waymo One. Stiamo lavorando a stretto contatto con i dipendenti, offrendo loro l'opportunità di trasferirsi, assicurandoci che tutti ricevano la retribuzione di transizione e l'assistenza di ricollocazione”.

1.300 auto robot

Waymo è considerata l’azienda leader negli Usa per la guida autonoma, nettamente in vantaggio sui suoi rivali con milioni di chilometri di prove alle spalle. Secondo il ministero dei trasporti di Washington oggi negli Stati Uniti circolerebbero 1.300 vetture robot e i test sono portati avanti da 80 differenti società in 36 stati, più Washington DC

A Wall Street, tuttavia, ci sarebbero delle riserve. Secondo la Cnbc, Morgan Stanley il mese scorso avrebbe tagliato il valore della compagnia da 175 miliardi di dollari a 105 miliardi di dollari. Una valutazione comunque estremamente consistente ma che risentirebbe del fatto che - secondo gli analisti - le auto a guida autonoma non arriveranno tanto presto e la stessa Waymo - anche se ha annunciato di recente le prime corse senza "tassista" - si basa ancora sulla presenza di propri incaricati a bordo dei veicoli.

Tag

Austin  · Phoenix  · Texas  · Waymo  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Da oggi chi prenota un robotaxi a Phoenix potrebbe veder arrivare un veicolo senza a bordo neanche il tecnico. Un ulteriore step per il progetto pilota che coinvolge 400 persone