Ultimo aggiornamento  12 dicembre 2019 14:45

Sila Technologies, più autonomia col silicio.

Giovanni Barbero ·

Sila Technologies, società di batterie per auto elettriche che ha tra i suoi clienti Bmw e Daimler, ha appena assunto Kurt Kelty, ex manager di Tesla, come responsabile del settore automotive. L’uomo ha guidato per dieci anni il team dedicato allo sviluppo degli accumulatori nell’azienda di Elon Musk. 

La società ha studiato nuovi componenti in silicio che andranno a sostituire la grafite nell'anodo delle batterie agli ioni di litio. Questo permetterebbe un miglioramento della densità energetica degli accumulatori con valori che superano il 20%, aumentando di conseguenza l’autonomia delle auto elettriche. 

1 miliardo di valore 

“Ho visto il lavoro e i risultati degli studi della Sila Technologies e ho deciso di tornare nel settore per non perdere l’opportunità di sviluppare accumulatori sempre più moderni ed efficienti”, ha dichiarato Kelty, che dopo essere andato via da Tesla è stato vicepresidente di un’azienda agricola in California, specializzata in coltivazioni a sviluppo verticale.

Sila Technologies ha raccolto altri 45 milioni di dollari da investitori esterni che vanno ad aggiungersi ai circa 300 accumulati in precedenza. Secondo quanto dichiarato dalla società il valore della compagnia ha raggiunto il miliardo di dollari.

Tag

Batteria  · Sila Technologies  · Silicio  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

La società tedesca studia nuovi componenti in carburo di silicio per le auto elettriche. Migliore conduttività e meno dispersione di calore. A vantaggio di costi e autonomia