Ultimo aggiornamento  27 ottobre 2020 14:41

Geely presenta la Icon, suv "globale".

Angelo Berchicci ·

Il costruttore cinese Geely ha rilasciato le prime immagini ufficiali dell'Icon, il nuovo suv con cui andrà a competere nell'affollato segmento B del mercato cinese. 

Fatta per piacere anche fuori dalla Cina

La vettura è basata sulla stessa piattaforma Bma su cui sono realizzate anche il crossover Bin Yue e la berlina Bin Rui. Rispetto ai modelli attuali, la Icon segna una rivoluzione sia per quanto riguarda il design, dalle linee squadrate e vagamente futuristiche, sia per la denominazione del modello, che abbandona la dicitura in lingua cinese. Non è un caso che la Icon sia stata definita da Geely un “modello globale”, facendo pensare ad un suo possibile debutto anche in Europa (per ora non sono state diffuse informazioni in merito).

Interni curati e dotazione moderna

Il linguaggio stilistico della Icon è caratterizzato da una serie di motivi geometrici, ripresi anche all’interno dei proiettori e nell’abitacolo, dominato dai due grandi schermi Lcd dell’infotainment e della strumentazione di bordo. Per quanto riguarda le motorizzazioni, pur in mancanza di dati ufficiali, si ipotizza l’adozione di un 1.5 turbo a benzina da 180 cavalli.

Disponibile anche elettrificata

Molto probabilmente la Icon verrà offerta anche in una o più versioni elettrificate, ma non è ancora chiaro se Geely opterà per l’ibrido plug-in o l’elettrico puro. Di certo c’è che per l’elettrificazione il costruttore potrà fare affidamento su Volvo, di cui è proprietaria dal 2010. L’auto dovrebbe essere lunga 4,3 metri (quanto una Range Rover Evoque) ponendosi al limite della categoria dei B-suv. Il debutto sul mercato cinese è atteso per i primi mesi del 2020. 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

Il gruppo Geely annuncia l’avvio di test per auto senza conducente a Huangzhou. L’obiettivo è metterne in strada diverse centinaia per i Giochi asiatici del settembre 2022

· di Valerio Antonini

I due costruttori realizzeranno insieme propulsori tradizionali e ibridi per tutti i marchi del gruppo e annunciano oltre 8mila nuovi posti di lavoro