Ultimo aggiornamento  18 maggio 2021 00:44

Patuanelli: impegno per l'auto.

Linda Capecci ·

Il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli, in audizione alla commissione attività produttive della Camera ha dichiarato che il governo intende supportare il processo di transizione all'insegna dell'ecosostenibilità del settore automotive con politiche mirate, anche se le criticità non mancano.

Risorse non infinite

“Le risorse non sono infinite e la sfida che si sta facendo sulla legge di bilancio, con la sterilizzazione dell'Iva, l'intervento sul cuneo fiscale e la riproposizione di Impresa 4.0 pesa sui conti: sono interventi particolarmente onerosi, non sarà facile trovare immediate risorse disponibili già nella prima finanziaria", ha dichiarato il ministro, che ritiene che la sfida nell'ambito del settore automobilistico si protrarrà comunque per il medio-lungo periodo.

Una sfida continua

Già il mese scorso Patuanelli aveva dichiarato che la prossima legge di bilancio sarà l'occasione per incoraggiare ulteriormente il passaggio a una mobilità a basse emissioni. I primi passi sono stati mossi attraverso l’incentivazione dei veicoli meno inquinanti e il provvedimento “ecobonus”, attivo dallo scorso aprile, ma occorrono ulteriori incentivi e un decreto che permetta e regolamenti il "vehicle to grid", ovvero lo scambio di corrente tra i veicoli e la rete, a tutto vantaggio dei proprietari di auto a batteria.

Ti potrebbe interessare

· di Redazione

Il ministro dello Sviluppo economico ammette che il settore "è in profonda crisi" e promette "niente shock per le imprese, ma sostegno per la transizione energetica e tecnologica"