Ultimo aggiornamento  12 luglio 2020 15:07

I numeri di PSA.

Angelo Berchicci ·

Nel terzo trimestre del 2019 le vendite di Psa sono diminuite del 4% rispetto allo stesso periodo del 2018. Un dato che è il risultato di andamenti piuttosto differenti tra i vari mercati e marchi del gruppo.

Vendite in calo ma andamenti diversificati

Si passa dall’importante crescita di DS (33%) seppur limitata nei volumi, soprattutto in Europa e Russia, alla cattiva prestazione della capogruppo Peugeot (-8,3%). Il brand del Leone soffre sia in Europa che in mercati in cui storicamente è molto affermato, come America Latina, Africa e Medio Oriente.

Bestia nera la Cina, dove il rallentamento nelle vendite di auto colpisce tutti i brand del gruppo con perdite a doppia cifra. Nel complesso Pechino chiude il terzo trimestre con un -40,1%, attestandosi come il mercato peggiore.

Da sottolineare è la buona performance di Citroen, che fa registrare risultati positivi su tutti i mercati (esclusa la Cina), e un andamento altalenante di Opel, che cresce in Russia, dove è ritornata da inizio anno, ma perde terreno in Europa.

Pesano Cina, Africa e Medio Oriente

Se si prendono in considerazioni i risultati dall’inizio anno, la situazione del gruppo PSA peggiora. Nei primi 9 mesi del 2019, infatti, le vendite a livello globale sono diminuite del 10.6%, e il comparto automotive ha fatturato 319 milioni di euro in meno rispetto allo stesso periodo del 2018.

Nel primo mercato del gruppo, quello europeo (2 milioni e 258mila auto vendute), si nota una sostanziale “tenuta”, con un calo che si mantiene contenuto allo 0,5%. Il buco nero della Cina si fa ancora più evidente, a causa di un crollo che arriva a sfiorare il 56%.

Non passa inosservata la pessima prestazione fatta registrare in Africa e Medio Oriente, mercati che per il gruppo si posizionano al secondo posto come importanza e in cui Peugeot ha tradizionalmente una presenza di rilievo: la contrazione nelle vendite da inizio anno è del 58%, ed è proprio la capogruppo a subire il contraccolpo più grande (-72%). Infine, male anche in America Latina (-23,4%, ma Peugeot perde il 30%) e in Russia (-7,3%).   

Tag

Citroën  · Fca-Psa  · Peugeot  · PSA  · 

Ti potrebbe interessare