Ultimo aggiornamento  12 novembre 2019 17:37

Volvo, la guida autonoma per il lavoro "duro".

Angelo Berchicci ·

Volvo ha dato vita a un nuovo ramo dell’azienda, che si focalizzerà sull’impiego della guida autonoma nell'industria e nella logistica. Volvo Autonomous Solutions, questo il nome del reparto appena inaugurato, si occuperà di progettare veicoli senza pilota per lo spostamento di merci in miniere, fabbriche, magazzini e porti.

I primi progetti

La divisione ha già sviluppato un prototipo di motrice a guida autonoma, chiamato Vera, che nei piani del costruttore svedese entrerà in servizio nel porto di Goteborg, dove si occuperà di spostare i container tra il terminal commerciale e il centro logistico. Il primo impiego di un veicolo senza pilota in un’operazione reale avverrà invece nella cava Brønnøy Kalk AS, in Norvegia, dove due trattori Volvo FH convertiti per il funzionamento a guida autonoma trasporteranno il materiale di risulta lungo un tortuoso percorso di 5 chilometri, che comprende anche passaggi all’interno di gallerie sotterranee.

Un impiego ideale

Il direttore di Volvo Autonomous Solutions, Sasko Cuklev, ha dichiarato che la missione della sua divisione sarà quella di “accelerare lo sviluppo e la commercializzazione di soluzioni per il trasporto senza conducente di grandi volumi di oggetti attraverso rotte fisse e predefinite”.

A differenza della guida autonoma utilizzata nel trasporto urbano, pubblico e privato, questo genere di impieghi comporta minori problemi sia sul piano pratico che su quello normativo, ed è compatibile con l’attuale livello di sviluppo raggiunto dalla tecnologia driverless, non ancora pienamente matura. Le applicazioni industriali eliminano infatti molte delle variabili che bisogna prendere in considerazione in un ambiente aperto anche al passaggio di pedoni e di altri veicoli condotti da umani. 

Tag

Driverless  · Guida Autonoma  · Volvo  · 

Ti potrebbe interessare