Ultimo aggiornamento  19 ottobre 2019 12:10

C40 di Copenaghen: le città insieme per il clima.

Linda Capecci ·

Il C40, l’Organizzazione internazionale per il clima, riunisce a Copenhagen dal 9 al 12 ottobre più di 70 sindaci - in tutto sono 94 le città affiliate – sotto la guida del primo cittadino della capitale danese Frank Jensen e dalla presidente dell'assemblea, la francese Anne Hidalgo, a capo del municipio di Parigi. L'iniziativa rientra nel progetto mondiale "The Future We Want" creato dalle Nazione Unite per favorire un approccio più sostenibile delle politiche globali, in tema di inquinamento atmosferico ma non solo.

All'evento in Danimarca sono presenti anche ragazze e ragazzi provenienti da 30 nazioni in rappresentanza delle migliaia di giovani che, in tutto il mondo, hanno dato vita al movimento FridaysForFuture.

E’ inoltre prevista un’iniziativa aperta a tutta la popolazione: il “Live Like Tomorrow”, un incontro pubblico che ha l’obiettivo di rendere il C40 più inclusivo e meno istituzionale, portando nelle strade proposte concrete ed esempi pratici di lotta all'inquinamento, soprattutto nelle aree urbane.

I risultati positivi

In apertura dei lavori i portavoce di trenta grandi città aderenti al C40 - tra cui Parigi, Barcellona, Milano, Roma, Berlino, Atene, Copenaghen, Oslo, Londra e New York  - hanno comunicato che, facendo una media complessiva delle aree urbane interessate, le emissioni di CO2 si sono ridotte del 20% negli ultimi decenni.

In vetta alla classifica c’è proprio la capitale della Danimarca, che dal 1991 a oggi ha registrato un calo del 60%, grazie a una drastica transizione verso sistemi di mobilità a impatto zero.

Su 30 città interessate, 24 hanno già stabilito piani per arrivare ad essere alimentate unicamente da fonti rinnovabili entro il 2030.

Gli incontri

Nel corso del summit ufficiale sono previsti gli interventi del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, dell’ex vice-presidente degli Stati Uniti Al Gore, dell’inviato speciale dell’Onu per l’Azione climatica Michael Bloomberg, e dei sindaci di Milano e Roma Giuseppe Sala e Virginia Raggi.

All'evento prende parte anche la parlamentare democratica americana Alexandria Ocasio-Cortez (la più giovane donna mai eletta nel congresso Usa): l’attivista ha lanciato il programma Green New Deal, per una politica attenta ai temi ambientali. Il suo impegno è entrato anche nella campagna elettorale per la Casa Bianca con almeno due dei candidati alle elezioni di novembre 2020, Bernie Sanders ed Elizabeth Warren - che ne hanno pubblicamente accolto e condiviso lo spirito. La giovane rappresentante del Bronx pubblica più di una volta al giorno aggiornamenti riguardo i temi trattati al C40 sui suoi profili social.

Stiamo affrontando un’emergenza – ha dichiarato Anne Hidalgo, sindaca di Parigi - ancora oggi le emissioni globali di CO2 stanno aumentando, nonostante l’impegno della nostra rete di città. A livello mondiale, esse devono cominciare a diminuire già dal prossimo anno. E dovranno essere dimezzate entro il 2030”.

Tag

#FridaysForFuture  · Al Gore  · Alexandria Ocasio-Cortez  · C40  · Copenaghen  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Il Presidente del Consiglio all'Hydrogen Challenge-Global Esg Conference: è questa la strada contro i cambiamenti climatici e per ridurre a zero le emissioni

· di Lina Russo

La capitale francese avvolta da una nuvola di smog. La situazione aggravata dall'ondata di caldo. La polizia locale conferma il divieto di circolazione ai veicoli di prima del 1997