Ultimo aggiornamento  20 settembre 2021 16:15

A Hong Kong si disegna il futuro.

Edoardo Nastri ·

In occasione del Salone di Hong Kong che si dovrebbe tenere - situazione politica locale permettendo - a luglio 2020, è stato lanciato “Design the Future”, un concorso riservato agli studenti di design che chiede loro di immaginare l’automobile del futuro rivista attraverso la propria creatività e competenza. I giovani sono chiamati a progettare anche nuovi sistemi multimediali che siano innovativi e utilizzabili nelle metropoli di domani (il progetto fissa la data al 2050).

"Il concorso è uno dei pilastri del nostro nuovo Salone. Promuoviamo iniziative sul design perché vogliamo incoraggiare lo scambio di idee tra giovani generazioni sulla mobilità del futuro. Tutti i progetti verranno presentati a luglio all’evento, quando sarà anche annunciato il vincitore”, spiegano gli organizzatori di società International Motor Show Management Limited, nuova società subentrata a un'altra che aveva avviato il progetto.

Il primo classificato del concorso "Design The Future" si aggiudica uno stage di tre mesi nello studio di Zagato a Milano, il carrozziere italiano che ha appena compiuto cent’anni. Il presidente di giuria, che comprende esperti di design, è il ceo della società Andrea Zagato.

Prima edizione rinviata

La prima edizione del Salone di Hong Kong si sarebbe dovuta svolgere dal 14 al 19 dicembre 2019, in un’area della fiera di 45mila metri quadrati vicino l’aeroporto. Tuttavia è stato rinviato a luglio 2020 “in considerazione delle attuali condizioni sociali locali”, dove sono ancora forti le tensioni fra il governo locale, il governo di Pechino e i manifestanti che chiedono con forza il rispetto dell'autonomia della città a statuto speciale. 

Tag

Hong Kong  · Motor Show  · Zagato  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Dopo Ginevra e Pechino, il diffondersi dell'epidemia mette a rischio il nuovo Detroit, il primo a Hong Kong, il primo a Milano Monza e il vecchio inimitabile Goodwood

· di Francesco Paternò

Causa “situazione socio-politica”, l’inedito Salone dell’auto della città cinese previsto per dicembre è stato spostato a luglio 2020. Lamborghini aveva già dato l'ok