Ultimo aggiornamento  19 ottobre 2019 11:16

Aston Martin raddoppia con Zagato.

Mario Longo ·

È stata svelata al pubblico la seconda Aston Martin che comporrà l’esclusivo pacchetto DBZ Centenary Collection, con cui la casa di Gaydon intende celebrare i cento anni della carrozzeria Zagato. Si tratta della DBS GT Zagato, che sarà prodotta in 19 esemplari venduti esclusivamente in abbinamento alla DB4 GT Zagato Continuation, la riproduzione moderna dell’omonima gran turismo degli anni ’60 presentata lo scorso giugno.

Un ponte tra passato e presente

Le due vetture, non vendibili singolarmente, saranno offerte a un prezzo complessivo di 7,5 milioni di euro, e saranno quindi le Aston Martin più costose di sempre. La DBS GT Zagato ha fatto bella mostra di sé per la prima volta durante il concorso di eleganza “Audrain’s Newport Concours & Motor Week”, in Rhode Island. L’auto, anch’essa frutto della collaborazione tra Aston e l’atelier milanese, vuole porsi come una reinterpretazione in chiave contemporanea della DB4 GT Zagato, in modo da rappresentare un ponte tra passato e presente.

Iniezione di potenza

La base di partenza di queste 19 specialissime vetture è la DBS Superleggera. I tecnici di Gaydon hanno però dotato la DBS GT Zagato di una specifica versione del V12 5.2 biturbo, che ora eroga 770 cavalli di potenza massima. Esternamente sono molti gli elementi stilistici che distinguono la Zagato dalle altre Aston, come la presa d’aria sul cofano che richiama la DB4, gli sfoghi laterali carenati e il posteriore dove spicca il lunotto privo di cornice e i fari circolari tipici delle vetture di Gaydon in tiratura limitata.

Richiami inconfondibili

Il tetto presenta la classica doppia gobba delle sportive Zagato del passato. La grande calandra anteriore è composta da elementi mobili di forma romboidale, un motivo che si ritrova anche all’interno dell’abitacolo, ad esempio nell’ornamento della consolle centrale e nelle cornici dei tasti del clima, elementi realizzati tramite la stampa 3D e che possono essere personalizzati dal cliente nelle finiture e nel materiale (carbonio, alluminio oppure oro, ma quest’ultimo solo per la versione "Centenary Specification").

Loghi in oro

Gli interni sono realizzati in pellami specifici e si fregiano della Z di Zagato ricamata sui poggiatesta. Infine, i loghi esterni della carrozzeria milanese e di Aston Martin sono realizzati in oro diciotto carati. L’auto sarà disponibile anche in edizione "Centenary Specification", ovvero una versione analoga a quella della presentazione, che esibisce una specifica colorazione Supernova Red con finiture dorate e in fibra di carbonio, e cerchi in lega bicolore gold e matt black.

Una storica collaborazione

“L’eleganza, la classe e la purezza delle Aston Martin si sono sempre sposate magnificamente con il nostro linguaggio stilistico razionalista”, ha commentato Andrea Zagato, ceo dell’omonimo atelier. Grande soddisfazione è stata espressa anche da Paul Spires, presidente della “Aston Martin Works”, il reparto della Casa che si dedica alla realizzazione delle serie speciali: “Il pacchetto DBZ Centenary Collection è un’unica grande celebrazione della storia d’amore ormai ultra sessantennale tra la nostra azienda e un’icona dello stile italiano come la maison Zagato”.

Tag

Aston Martin  · DB4 GT Zagato  · DBS GT Zagato  · Zagato  · 

Ti potrebbe interessare

· di Angelo Berchicci

Prime foto della versione Roadster della sua granturismo "entry-level". Attesa per il 2020, presenta una capote in tela e un V8 da 510 cavalli

· di Luca Gaietta

La Casa di Gaydon festeggia i 100 anni della carrozzeria di Terrazzano con la DBZ Centenary Collection, una coppia di supercar vendute insieme per 7 milioni di euro