Ultimo aggiornamento  26 febbraio 2020 12:02

Suzuki, due concept a Tokyo.

Edoardo Nastri ·

Suzuki presenta al Salone di Tokyo (dal 24 ottobre al 4 novembre) due concept car che esplorano diversi temi della mobilità del futuro come elettrificazione, connessione dei veicoli e guida autonoma. Il costruttore ha fatto sapere che durante il motorshow verranno annunciate le attività previste il prossimo anno in vista delle celebrazioni dei 100 anni del marchio.

I prototipi in arrivo all’evento giapponese sono due. La Waku Spo è una sportiva compatta con motorizzazione ibrida plug-in dallo stile vagamente retrò e diversi aspetti innovativi, come la possibilità di essere condivisa tra gli utenti. La carrozzeria inoltre può essere modificata con l’installazione di nuovi pezzi come un elemento in vetro per il posteriore che la trasforma in shooting brake.

Guida autonoma e intelligenza artificiale 

Hanare (cottage in giapponese) è una concept car con architettura monovolume a intelligenza artificiale. Per il massimo sfruttamento di tutto lo spazio a disposizione è stata scelta una forma squadrata e non molto aerodinamica. Gli interni si presentano come uno spazio particolarmente comodo durante i viaggi, dominato da un grande schermo centrale, con tavolini e ampie sedute.

Suzuki investe nell’elettrificazione dei suoi modelli anche stringendo alleanze con altre Case. Toyota - per esempio - fornirà al costruttore connazionale (di cui possiede quasi il 5% delle azioni) i propulsori ibridi e due veicoli elettrificati da vendere in Europa, sviluppati sulla stessa architettura di Rav4 e Corolla wagon.

Tag

Salone di Tokyo 2019  · Suzuki  · 

Ti potrebbe interessare

· di Edoardo Nastri

Alla 46esima edizione del motorshow giapponese (24/10-4/11) partecipano quasi solo costruttori locali. Toyota domina, seguono gli altri. Denominatore comune: elettrificazione

· di Sergio Benvenuti

L'indiscrezione dei media giapponesi (non confermata né smentita) arriva dopo l'alleanza industriale avviata dai due costruttori giapponesi nel 2016

· di Paolo Odinzov

Non solo ibrido ed elettrico, l'accordo tra i due costruttori giapponesi si allarga allo sviluppo di modelli destinati all'India, all'Africa e all'Europa