Ultimo aggiornamento  20 settembre 2020 12:17

Peugeot 208, assalto elettrico.

Francesco Paternò ·

LISBONA – Alla nuova generazione della Peugeot 208, berlina cinque porte di segmento B con i suoi 4,05 metri di lunghezza, il numero uno del marchio Jean-Philippe Imparato dà un obiettivo ambizioso: conquistare la leadership della categoria in Europa insieme alla prossima serie del piccolo suv 2008, che in particolare in Italia vale circa la metà dell’intero mercato. Mentre da gennaio 2020, sottolinea, Peugeot sarà già in linea con le nuove normative sulle emissioni di CO2 grazie all’offerta elettrificata dell’intera gamma che dispone anche dell’ibrido plug-in: “Non pagheremo multe, non perderemo soldi, rispettiamo da subito i limiti. Chi non è pronto adesso, andrà a soffrire molto”.

Una nuova piattaforma

“Per Peugeot l’Italia rappresenta già oggi il secondo mercato mondiale per il segmento B”, dice ancora Imparato, e la nuova 208 ha una carta in più per spingere il marchio sul gradino più alto del podio: la propulsione elettrica da subito disponibile insieme a quelle a benzina e diesel. Tutte costruite sulla nuova piattaforma (denominata Cmp e “Multinergie”), che permette di avere sulla stessa linea le tre versioni “rispondendo in tempo reale alle richieste dei mercati” e di dare ai clienti, aggiunge il top manager, “lo stesso costo di esercizio”.

I prezzi della gamma

La 208, che sfoggia un design ricercato sia all’esterno (molto sportivo, a scapito un po’ della spazio dietro e della visibilità di tre quarti posteriore) che negli interni (l’originale cruscotto digitale tridimensionale è posizionato visivamente sopra la corona del piccolo volante, Peugeot lo chiama i-Cockpit) sarà in vendita in Italia dal 4 novembre, con prezzi che vanno dai 14.950 ai 38mila euro per il top di gamma, che è la versione a batteria super accessoriata (circa 30mila euro per una elettrica “normale”).

A benzina i motori sono a 3 cilindri da 1.2 di cilindrata: da 75 cavalli con cambio manuale a 5 rapporti, turbo da 100 cavalli con cambio manuale a 6 rapporti o EAT8 (automatico a 8 rapporti) e turbo da 130 cavalli con cambio EAT8; un solo diesel con motore 4 cilindri da 1.5 di cilindrata, 100 cavalli e cambio manuale a 6 rapporti. Alla guida, il 100 cavalli si è dimostrato il più equilibrato, sempre pronto nella risposta in qualsiasi situazione di traffico.

Unità elettrica da 100 kW

Sull’elettrica, denominata e-208, l’abitabilità e il volume del bagagliaio sono identici a quelli della versione termica, grazie al posizionamento delle batterie sotto il pianale. L’unità ha una potenza di 100 kW pari a 136 cavalli e un pacco batteria da 50 kWh con una autonomia dichiarata di 340 chilometri, 8 anni o 160mila chilometri di garanzia.

I tempi di ricarica

Al solito, i tempi di ricarica variano moltissimo secondo la fonte: dalle 14 ore da una presa domestica fino a scendere ai livelli di uno smartphone agganciandosi a un sistema veloce che permette di avere l’80% della batteria carica in mezzora. Via app sul proprio telefono è possibile programmare una ricarica a distanza e interromperla in qualsiasi momento.

La Peugeot e-208 dispone di tre modalità di guida: Eco per ottimizzare l’autonomia, Normale per l’uso quotidiano, Sport per le massime prestazioni. Ha due modalità di frenata con tipologie più o meno accentuate di rigenerazione della batteria.

Accordo con Enel X

“Non vogliamo vendere l’elettrica per forza ma aiutare il cliente a fare la sua scelta con la massima consapevolezza”, ci dice ancora Imparato, lasciando a Salvatore Internullo, direttore del marchio Peugeot in Italia, di spiegare l’offerta per la e-208. Da una parte, attraverso un accordo con Enel X, Peugeot aiuterà il cliente a scegliere la migliore soluzione di ricarica a domicilio o in ufficio con una offerta di infrastrutture dedicate. Dall’altra c’è un’offerta di ricarica pubblica che permette con un pass di accedere alla rete di colonnine su tutto il territorio.

Costi pari?

Peugeot presenta anche una tabella che prevede, invece dell’acquisto (il claim di lancio è “non si compra ma si guida”), un anticipo di 3.500 euro e una rata variabile per un uso di 15mila chilometri all’anno della 208 elettrica e delle versioni a benzina e diesel da 100 cavalli. Il risultato è un sorprendente pareggio dei costi finali per l’utente: ma su questo c’è ancora da fare e da discutere.

Tag

Auto Elettrica  · Enel X  · i-Cockpit  · Jean-Philippe Imparato  · Peugeot 208  · 

Ti potrebbe interessare

· di Emiliano Marziali

Sviluppata sulla stessa piattaforma della Peugeot 208 e DS3 Crossback a zero emissioni, sfrutta le sinergie di gruppo e ha un prezzo competitivo. Ecco come va

· di Edoardo Nastri

Il direttore del marchio annuncia un piano di "aiuti per una ripresa con la spina”, aggiuntivo rispetto a quelli statali (in via di approvazione) e regionali

· di Angelo Berchicci

La Casa francese elettrifica ammiraglia e suv compatto con un sistema ibrido ricaricabile plug-in. Fino a 60 chilometri a zero emissioni con prestazioni brillanti. Ecco come vanno

· di Angelo Berchicci

Nuova generazione: a scelta benzina, diesel o elettrico. Più grande e più tecnologico, consegne da febbraio 2020 con prezzi da 21mila e 38 mila euro

· di Luca Gaietta

A dirlo è il capo del settore veicoli a batteria del gruppo francese Helen Lees. Per compensare, servirà ampliare i servizi di mobilità condivisa a batteria