Ultimo aggiornamento  19 novembre 2019 22:00

Lime, 100 milioni di corse con i monopattini elettrici.

Luca Gaietta ·

I monopattini elettrici, in Italia e non solo, stanno facendo discutere per la sicurezza. Prediletti e sponsorizzati anche da molte case automobilistiche per portare avanti la micromobilità nella città, piacciono però sempre di più al pubblico. Soprattutto a quello di eta compresa tra i 20 e 35 anni.

40 milioni di chilometri

Lo dimostra il traguardo raggiunto dalla società di noleggio californiana Lime, che ha celebrato i 100 milioni di corse con i suoi monopattini a batteria. Gli utenti della azienda, operativa in 120 città di 30 Paesi nel mondo tramite una specifica app, hanno percorso circa 40 milioni di chilometri pari a cento volte la distanza tra la Terra e la Luna.

Meno traffico e inquinamento

Lime ha stimato che questo chilometraggio record ha consentito di evitare emissioni nell'aria per 9mila tonnellate di CO2, riducendo anche il traffico nelle città è accorciando notevolmente il tempo impiegato da molti pendolari. Stando a quanto riferito dai vertici della società, oltre il 50% degli utenti utilizza infatti i suoi monopattini elettrici per andare o tornare dal luogo di lavoro e il 40% dei mezzi circola durante la settimana negli orari di punta.

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Via libera alla sperimentazione dei microveicoli a batteria, ma solo in alcune aree del centro e del litorale. Esclusi hoverboard e monowheel, per il Comune "troppo pericolosi"

· di Marina Fanara

L'avvio della sperimentazione dei microveicoli elettrici a noleggio previsto a inizio novembre. Gli operatori interessati dovranno garantire l'assicurazione per mezzi e conducenti

· di Linda Capecci

In Francia nasce l'associazione delle vittime degli e-scooters, mentre in Italia scattano le prime sanzioni con l'entrata in vigore del decreto sulla micromobilità

· di Valerio Antonini

Boom dei mini veicoli a batteria. Comodi e veloci sono però anche causa di incidenti e c’è già chi pensa di vietarli sui marciapiedi. In Italia presto una legge speciale