Ultimo aggiornamento  12 novembre 2019 16:48

E se Bmw si comprasse Jaguar Land Rover?

Angelo Berchicci ·

Bmw dovrebbe comprare Jaguar-Land Rover, suggerisce Max Warburton, il più seguito analista del mondo automotive, in un report per lo studio Sanford C. Bernstein, una delle maggiori società specializzate in analisi di mercato.

Perché? “Bmw è sovraccapitalizzata e stracolma di liquidità - scrive Warburton - ha ormai raggiunto il limite di crescita per i suoi prodotti e per il suo brand”. Mentre invece “Jaguar Land Rover vive un periodo difficile, sia sul piano operativo che finanziario, e potrebbe diminuire notevolmente i propri costi fissi e variabili qualora si appoggiasse ad un partner più grande”.

Inglesi in difficoltà

Il proprietario del gruppo è l'indiano Tata Motors, che da tempo ha a che fare con perdite ingenti della sua controllata inglese, anche a causa della Brexit. A livello globale, Jaguar e Land Rover sono andate incontro ad una riduzione delle vendite del 9,9% nel secondo trimestre del 2019.

“Se acquistasse Jaguar-Land Rover per 11,2 miliardi di dollari Bmw potrebbe aumentare del 20% i propri guadagni”, scrive ancora l'analista. "L’operazione fornirebbe ossigeno a JLR, che prevede di varare nei prossimi mesi una spending review di 2,5 miliardi, che porterebbe al taglio di 4,500 posti di lavoro”.

Un’operazione considerata fattibile dall'analista sul piano finanziario ma complicata su quello emotivo. “Molti a Monaco ricordano quando Bmw aveva la proprietà di Land Rover e del gruppo Rover negli anni ’90. Quello fu un periodo traumatico per la compagnia bavarese”.

Il precedente

Non è la prima volta che si parla di un passaggio di proprietà per Jaguar Land Rover. Il 9 maggio scorso, l'Associated Press aveva scritto che il gruppo Psa guidato da Carlos Tavares sarebbe stato interessato ad acquistare il gruppo inglese ed entrare così nel segmento del premium. Seguirono smentite.

Tag

BMW  · Jaguar  · Jaguar Land Rover  · Land Rover  · PSA  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Il gruppo inglese, di proprietà della indiana Tata, ha segnato nel terzo trimestre dell'anno una crescita dell’8%, grazie soprattutto all'incremento delle vendite in Cina

· di Paolo Odinzov

Tempo di restyling per il suv tedesco, in vendita con prezzi a partire da 33mila euro. Dalla primavera 2020 disponibile anche con una batteria che promette 50 chilometri a zero...

· di Paolo Odinzov

Secondo la rivista Autocar la partnership annunciata tra i due costruttori comporterà anche la fornitura da parte dei tedeschi di motori termici e ibridi per i veicoli del gruppo...