Ultimo aggiornamento  19 ottobre 2019 12:26

Ford, due elettriche sulla MEB.

Angelo Berchicci ·

Diventano due i modelli full-electric che Ford potrebbe sviluppare sulla piattaforma Volkswagen MEB. A riferirlo è il capo di Ford Europe, Stuart Rowley, in alcune dichiarazioni rilasciate al quotidiano tedesco Handelsblatt.

“Sfruttare il pianale MEB per dare vita ad un unico modello non avrebbe senso dal punto di vista finanziario” ha dichiarato Rowley. Per massimizzare i vantaggi della partnership con Volkswagen, Ford starebbe quindi pensando di utilizzare la piattaforma per due auto, probabilmente una compatta di segmento C e un suv. “Si, ne stiamo discutendo” ha affermato il manager, aggiungendo che una decisione in merito potrebbe arrivare nei prossimi mesi.

La partnership

MEB è il nome della piattaforma modulare appositamente sviluppata da Volkswagen per i veicoli elettrici, che ha debuttato al Salone di Francoforte sulla nuova ID.3. Il costruttore di Wolfsburg ha concesso su licenza l’utilizzo del pianale a Ford, all'interno di una partnership tra le due industrie avviata a inizio dell'anno. 

Le economie di scala

Le due auto Ford permetteranno a Volkswagen di aumentare le economie di scala e ammortizzare più rapidamente l’investimento di 7 miliardi di dollari sostenuto per la MEB. Il gruppo tedesco si aspetta di vendere 15 milioni di unità dei vari modelli che vi saranno basati entro il 2028. A questi vanno aggiunti i 600 mila veicoli che Ford prevede di piazzare sul mercato europeo a partire dal 2023. Stima che, alla luce degli ultimi sviluppi, potrebbe aumentare ulteriormente.   

Tag

Auto elettriche  · Ford  · Gruppo Volkswagen  · Meb  · Volkswagen ID.3  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Dopo lo stop nel mercato americano di significativi modelli della categoria come la Dodge Dart e la Chevrolet Cruze, esece di scena anche la Ford Focus Active

· di Edoardo Nastri

Il consiglio di sorveglianza del costruttore tedesco si riunisce tra due settimane: in agenda anche la finalizzazione della partnership con gli americani