Ultimo aggiornamento  17 settembre 2019 09:11

Regno Unito: il sorpasso delle colonnine.

Marina Fanara ·

In Gran Bretagna quest'anno le colonnine elettriche hanno superato i tradizionali benzinai: 9.400 i punti di ricarica pubblica contro 8.400 stazioni di rifornimento carburante, secondo Nissan, il primo costruttore di auto a emissioni zero al mondo. 

Sorpasso elettrico

Il sorpasso è avvenuto con un anno di anticipo rispetto a quanto previsto dalla stessa Nissan che nel 2016 aveva indicato il 2020 come data di superamento. Il costruttore giapponese, in particolare, sottolinea che l'incremento delle stazione elettriche in Gran Bretagna è iniziato nel 2011 (anno in cui è stata introdotta nel Paese la Nissan Leaf) passando da 100 colonnine alle oltre 9mila di agosto 2019.

Circa il 20% delle infrastrutture elettriche presenti sul territorio inoltre è di tipo veloce. 

Boom nella capitale

A Londra, in particolare, solo lo scorso anno sono state installate mille nuove colonnine mentre sono in progressiva diminuzione le tradizionali aree di servizio. Un'inversione di tendenza dovuta anche all'introduzione, lo scorso aprile, della nuova Ultra low emission zone (Ulez) che ha sancito regole molto più restrittive alla circolazione dei veicoli inquinanti spingendo così i cittadini a scegliere mezzi di trasporto a zero emissioni per muoversi nella Capitale.

Ricordiamo che nella nuova congestion charge londinese è vietato il transito 24 ore su 24, per tutto l'anno, ai benzina fino a Euro 4, ai diesel con motorizzazione inferiore ad Euro 6 e alle moto fino a Euro 3. A meno di pagare un pedaggio giornaliero che va da 12,5 sterline (quasi 14 euro) per auto e moto alle 100 sterline (109 euro) per autobus, pullman e camion.

Ti potrebbe interessare

· di Colin Frisell

I viaggi in bicicletta nella capitale inglese sono aumentati del 5% nel 2018. Percorsi 4 milioni di chilometri al giorno. In tutta la Gran Bretagna la crescita è stata dell'1,8%

· di Colin Frisell

Una ricerca inglese rivela che metà dei possessori di un'auto a gasolio comprerà una nuova ibrida o un'elettrica. Solo il 23% manterrà la stessa alimentazione