Ultimo aggiornamento  17 settembre 2019 08:33

La Porsche Taycan sul ring di Nardò.

Giovanni Barbero ·

3.425 chilometri in 24 ore. Porsche testa la Taycan - la prima auto elettrica della sua storia - sul ring del circuito di Nardò, in Puglia. La sportiva ha girato a una velocità compresa tra i 195 e i 215 chilometri orari su un asfalto che ha raggiunto la temperatura di 54 gradi centigradi. Secondo il costruttore tedesco, durante il test di qualità non ci sono stati problemi, eseguito senza interruzioni (cambi pilota e soste per la ricarica rapida a parte).

La Porsche Taycan viene svelata il 4 settembre ed è la prima vettura a zero emissioni di produzione a proporre una tensione di sistema a 800 Volt, che permette un aumento delle prestazioni e una riduzione dei tempi di ricarica.

Quando saranno attive le colonnine ultra veloci da 350 chilowatt le batterie della Taycan potranno essere ricaricate dell’80% in soli 15 minuti. La versione d’ingresso della vettura- che dovrebbe costare circa 90mila euro - è equipaggiata con un motore elettrico da 80 chilowatt per 326 cavalli di potenza.

Un anello di 12,6 chilometri 

Il Nardò Technical Center è gestito da Porsche dal 2012. Il costruttore di vetture sportive del gruppo Volkswagen ha investito oltre 35 milioni di euro per rimetterlo in funzione, dedicati al rifacimento della pavimentazione della rinomata pista circolare lunga 12,6 chilometri e al rinnovamento completo del sito di 106.000 metri quadrati per le prove di dinamica di guida.

Tag

nardò  · Porsche  · Porsche Taycan  · 

Ti potrebbe interessare

· di Valerio Antonini

La prima elettrica del marchio di Stoccarda ha stabilito il nuovo primato per una sportiva 4 porte a batteria sull’anello nord del circuito tedesco

· di Edoardo Nastri

La prima elettrica della storia del costruttore di sportive tedesco offre servizi di musica in streaming della società della Mela. Dagli interni scompare il contagiri analogico, ma...

· di Linda Capecci

Le storico complesso di circuiti dedicato ai test e gestito da Porsche dal 2012, riapre finalmente i battenti: investiti 35 milioni di euro negli interventi di ristrutturazione