Ultimo aggiornamento  14 ottobre 2019 17:15

Il miele della Bentley.

Colin Frisell ·

CREWE -  Sono quasi cento anni che lo storico sito di Pyms Lane, sede della Bentley Motors a Crewe nel Cheshire, è famoso nel mondo per essere la casa di alcune delle auto più straordinarie mai prodotte, caratterizzate dall'inconfondibile logo sul cofano.

Ora, grazie a una nuova iniziativa sul tema della biodiversità, il marchio inglese ha fatto del suo quartier generale anche la casa di 120mila api della famiglia "apis mellifera", autoctona della Gran Bretagna e a rischio estinzione a causa dei cambiamenti climatici e della progressiva sparizione dell'habitat naturale. 

Ai margini del sito Bentley - in una zona fiorita che confina con l'intatta campagna dello Cheshire - degli apicoltori locali hanno piazzate due grandi arnie e - dicono gli esperti - la produzione  sta a dando ottimi risultati. Per il primo raccolto, alla fine dell'estate sono previsti circa 15 chili di miele Bentley.

Dal sole alle arnie

Peter Bosch, membro del consiglio di amministrazione del marchio e responsabile del progetto,  spiega: "Siamo costantemente alla ricerca di modi per migliorare la nostra impronta ambientale e raggiungere  l'obiettivo di operazioni a emissioni zero. Abbiamo già il più grande parco di pannelli solari del Regno Unito. Tutta l'energia elettrica che consumiamo viene da fonti rinnovabili. Ora abbiamo pensato di aiutare la biodiversità e di produrre del miele davvero speciale, a pochi metri da dove nascono le nostre straordinarie automobili".

Tag

Apis Mellifera  · Bentley  · Crewe  · Regno Unito  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Il costruttore punta a diventare il primo al mondo nel lusso per sostenibilità, grazie alla elettrificazione della gamma e a fonti energetiche rinnovabili nella produzione

· di Valerio Antonini

Una versione virtuale dall'auto del costruttore inglese - dedicata al centenario della Casa - entra nel set del gioco Asphalt-Airborne. Intanto 4 esemplari sono scesi in pista alla...

· di Valerio Antonini

Il costruttore propone un prototipo extralusso elettrico e a guida autonoma esagerato per dimensioni, prestazioni e materiali