Ultimo aggiornamento  16 dicembre 2019 00:46

Fuga da Tokyo.

Paolo Odinzov ·

Dopo i grandi Saloni europei (Parigi, Francoforte, Ginevra) e le rassegne americane di Detroit e Los Angeles, anche il Motor Show di Tokio mostra un forte calo di partecipazione da parte delle Case automobilistiche.

Lunga lista di assenti

Oltre alle rinunce di Volvo, Peugeot e Volkswagen, la 46esima edizione della mostra giapponese, in programma dal 24 ottobre al 4 novembre, sarà orfana anche di Bmw e Audi. Un portavoce del gruppo Volkswagen ha fatto saper che l’assenza è dovuta alla mancanza di modelli nuovi da presentare. Mentre il marchio di Monaco prevede di organizzare durante la manifestazione un evento a parte, supportato probabilmente dalle concessionarie locali. 

Prime ad andarsene la Case americane

Secondo la Japan Automobile Manufacturers Association (Jama) in passato le Case europee partecipavano regolarmente allo spettacolo ma dalla crisi finanziaria del 2008-2009 il pubblico ha perso interesse per il settore e diversi costruttori - non giapponesi - hanno deciso di non essere presenti al Motor Show. Primi fra tutti i marchi statunitensi come Ford che da allora non sono più tornati. D'altronde anche i numeri parlano chiaro: l'interesse per le auto straniere sul mercato giapponese è in calo con un -4,3% registrato lo scorso 2018 che diventa oltre -30% se confrontato a 10 anni fa.

Mercedes e Renault ci saranno

A mostrare quest’anno alla manifestazione l’offerta della industria dell'auto europea ci sarà comunque Mercedes, che in rappresentanza delle Case tedesche premium avrà uno spazio tutto suo vista la mancanza delle rivali dirette. Mentre Renault sarà presente con la consociata di gruppo Alpine. Assenze che fanno il gioco dell'industria locale che, come già nell'edizione 2017 (il Tokyo Motor Show ha cadenza biennale), sarà protagonista unica della rassegna, in particolare con scenografici concept, pronti ad anticipare il futuro. 

Tag

Audi  · BMW  · Gruppo Volkswagen  · Mercedes  · Tokio Motor Show  · 

Ti potrebbe interessare

· di Francesco Paternò

Tante novità tedesche e francesi a fianco delle cinesi in un mercato che batte in testa e in cui crescono solo le vendite elettrificate

· di Luca Gaietta

Il marchio tedesco non parteciperà al motorshow francese di ottobre. Sono ora nove le defezioni importanti tra cui quelle di Opel, Volvo e Ford