Ultimo aggiornamento  13 dicembre 2019 07:17

GM, i robotaxi slittano al 2020.

Paolo Odinzov ·

General Motors ha posticipato il lancio del servizio al pubblico di robotaxi previsto con la divisione Cruise inizialmente entro fine dell’anno. Dan Ammann, ceo di GM Cruise, ha detto che i veicoli non debutteranno prima del 2020. Questo, pur ammettendo lo stato avanzato della concorrenza che vede in prima linea i rivali di Waymo, con una flotta di van senza conducente già in circolazione sulle strade di Phoenix (Arizona), e Lyft .

Garantire l'incolumità delle persone

Ammann ha spiegato che il motivo principale del ritardo è dovuto alla sicurezza e alla volontà di perfezionare ulteriormente le tecnologie di guida autonoma: “Con una posta in gioco così alta, rilasceremo la nostra flotta di robotaxi solo quando saremo certi e potremo dimostrare che questi avranno un impatto positivo sulle nostre strade preservando l’incolumità delle persone.”

La stazione di ricarica rapida più grande negli Usa

GM Cruise conta al momento 1.500 dipendenti e ha raccolto finanziamenti per 7,25 miliardi di dollari anche da Vision Fund e Honda. Gli analisti hanno stimato per l’azienda un valore di 19 miliardi. Cifra che Ammann intende sostenere anche creando a San Francisco la stazione di ricarica rapida più grande degli Stati Uniti.

Tag

GM Cruise  · Robotaxi  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

L'azienda di Google ha ora il permesso di portare persone a bordo delle auto senza conducente anche nel suo stato d'origine, come in Arizona. Primo passo verso un servizio al...

· di Linda Capecci

La società di taxi privati ha portato le Bmw Serie 5 dotate della tecnologia automoma di Aptiv sulle strade di Las Vegas. Il 92% dei clienti si è detto soddisfatto dell'esperienza

· di Valerio Antonini

La società di General Motors riceve un finanziamento da 1,1 miliardi di dollari per mettere in strada entro l'anno i mezzi senza conducente. Sfida a Waymo e Tesla