Ultimo aggiornamento  14 dicembre 2019 21:40

Cina, dopo l'elettrico ecco l'idrogeno.

Luca Gaietta ·

La Cina potrebbe attuare una  politica per promuovere le auto a idrogeno sulla falsariga di quanto già fatto  per la mobilità elettrica arrivata ormai a contare nel Paese oltre due milioni di vetture.

Wan Gang - ex Ministro della Scienza e della Tecnologia e presidente dell'Università Tongji, considerato dai media nazionali il più importante promotore delle auto con la spina nella Repubblica Popolare -  sarebbe ora intenzionato a spingere i veicoli a celle di combustibile. Alcuni anni fa fu proprio lui a convincere il Consiglio di Stato di Pechino a  puntare tutto sulle elettriche. Una scelta che si è rivelata vincente.

Un milione di veicoli nel 2030

L’esperto cinese ha già dichiarato di voler creare una "società dell’idrogeno" e di aver già avviato discussioni con il governo centrale cinese per incrementare le risorse indirizzate a promuovere sperimentazione, produzione e stoccaggio del carburante per le fuel cell.

Questo, soprattutto in previsione di una crescita rapida del settore nel Paese: la road map sarebbe passare  da 5mila vetture a idrogeno in circolazione nel 2020 a 50mila nel 2025 per arrivare nel 2030 a sfiorare il milione di unità.

Tag

Cina  · Idrogeno  · Wan Gang  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

La TJ Innova Engineering & Technology di Shanghai interessata ad aprire nel nostro Paese un sito dove produrre auto a batteria. Operazione da 300 milioni di euro

· di Carlo Cimini

Pechino sta valutando la possibilità di iniziare la sperimentazione di divieto in alcune province del Paese. La prima zona interessata è Hainan, dove circoleranno solo auto a zero...

· di Paolo Odinzov

Il governo della Repubblica Popolare ha varato un piano per incentivare la diffusione dei veicoli fuel cell stimando entro il 2020 la creazione di oltre 100 punti di ricarica