Ultimo aggiornamento  14 novembre 2019 14:37

Aston Martin, giù in borsa.

Luca Gaietta ·

Aston Martin rivede a ribasso le vendite e crolla in borsa. Alla Casa inglese prediletta da James Bond questa volta non sono serviti neppure i trucchi del celebre 007 per uscire indenne dalle quotazioni dopo aver annunciato di prevedere un calo delle consegne del 14% a 6.300 vetture in tutto il 2019, contro le 7.400 stimate in precedenza. Questo, in seguito al negativo andamento delle vendite nel Regno Unito (-22%), ma anche nel resto dell’Europa, Medio Oriente e Africa, scese del 28%.

Palmer, ridare fiducia agli investitori

Il costruttore di Gaydon, ha registrato oggi un prezzo per azione di circa 8 sterline contro le 19 di collocamento al momento dello sbarco sul listino di Londra nell’ottobre dello scorso anno. Per un calo del 22,6% rispetto alla chiusura precedente a 10,35 sterline.

Il ceo Andy Palmer ha assicurato che saranno immediatamente presi provvedimenti e messe in campo azioni efficaci a rafforzare nuovamente i margini in modo da convincere gli investitori a scommettere sul titolo nonostante conti alla mano il calo delle quotazioni sia di oltre il 50% in poco più di 9 mesi.

Tag

Aston Martin  · Borsa  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Gaietta

La nuova ibrida di Gaydon si chiama Valhalla, come l'ultima dimora dei guerrieri nella mitologia scandinava. Arriva nel 2021 in 500 esemplari: costo oltre il milione di euro