Ultimo aggiornamento  19 ottobre 2019 22:20

Elettriche, in Italia il bonus funziona.

Edoardo Nastri ·

Il 5 aprile scorso è arrivato in Italia il decreto che dà attuazione al piano di incentivi statali per auto elettriche e ibride plug-in. La misura stabilita dal governo prevede contributi da 1.500 a 6.000 euro per l'acquisto, anche in leasing, di un'auto nuova con emissioni di CO2 inferiori a 70 grammi al chilometro purché abbia un prezzo di listino che non superi i 50mila euro. Un mercato ancora di nicchia ma che sta, comunque, crescendo. Quali sono state le ricadute sulle vendite nel nostro Paese in questi primi mesi?

A giugno sono state immatricolate 1.445 vetture a emissioni zero, il 225% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Risultati positivi anche a maggio dove le elettriche hanno avuto un balzo del 92% grazie alle immatricolazioni di 1.167 vetture nuove contro le 609 dello stesso periodo del 2018. La crescita più sostenuta si è registrata ad aprile, il primo mese di applicazione dell’incentivo all’acquisto, che ha visto 1.190 nuove targhe a batteria, il 356% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Con e senza bonus

Prima dell’introduzione delle agevolazioni l’acquisto di vetture a zero emissioni è comunque cresciuto ma in maniera decisamente più contenuta: +42% a marzo, +1,6% a febbraio e +9,3% a gennaio. Tirando le somme nei primi sei mesi dell’anno sono state immatricolate quasi 5mila auto elettriche, contro le 2.256 del semestre 2018: un aumento che supera il 120%.

Il dato medio tra i due trimestri segna una crescita del 17,6% da gennaio a marzo e del 224,3% da aprile a giugno. Gli effetti positivi si sono visti anche sul mercato dei ciclomotori elettrici. I due ruote a zero emissioni sono passati dai 953 immatricolati nei primi sei mesi del 2018 ai 2.250 dello stesso periodo del 2019: un aumento del 160%.

Come ottenere agevolazioni  

La distribuzione degli incentivi per il 2019 - 200 milioni di euro in totale, 60 milioni di euro per il primo anno, 70 per ciascuno dei successivi due - è avvenuta in due fasi: la prima da 20 milioni e la seconda da 40. La prima ondata di agevolazioni si è esaurita prima della fine del periodo stabilito e l’8 luglio sono entrato nella disponibilità gli altri 40 milioni di euro da consumarsi entro il 20 novembre 2019. 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Una proposta di legge all'esame del Consiglio prevede un contributo di 5mila euro per l'acquisto di un'auto a zero emissioni, 700 euro per una bici a batteria

· di Redazione

Dall'8 luglio il ministero dello Sviluppo economico mette a disposizione quasi 40 milioni di euro per l'acquisto fino a novembre di nuovi veicoli a basso impatto ambientale

· di Marina Fanara

A tanto ammontano le richieste a meno di due giorni dall'attivazione della piattaforma per la prenotazione degli incentivi. Visibile on line sul sito del Mise un contatore dei...

· di Edoardo Nastri

L'emendamento presentato dall'esecutivo prevede incentivi progressivi all'acquisto di auto con meno impatto ambientale e una tassa per le più inquinanti. Come funzionerà