Ultimo aggiornamento  18 agosto 2019 03:05

Great Wall sbarca in Europa con le batterie.

Carlo Cimini ·

Le batterie cinesi arrivano in Europa. Il più grande costruttore di automobili cinese, Great Wall Motor, sta progettando la sua prima fabbrica di accumulatori nel Vecchio continente attraverso la società spin off Svolt Energy Technology. La fabbrica per le celle e i moduli degli accumulatori per auto elettriche avrà una capacità produttiva iniziale di 20 gigawattora con un investimento complessivo di 2 miliardi di euro.

5 basi operative in tutto il mondo

Svolt nel prossimo round di raccolta fondi è pronta a ricevere ulteriori 130 milioni di euro per sostenere il progetto che inizierà nella seconda metà del prossimo anno e la produzione a partire dal 2022. La capacità produttiva sarà di circa 24 gigawattora entro il 2025.

Lo stabilimento europeo si aggiungerebbe alla prima fabbrica di Svolt a Changzhou, nella provincia di Jiangsu. "Il nostro obiettivo è avere cinque basi di produzione in tutto il mondo, anche negli Stati Uniti, ma ci vorrà del tempo", ha detto il direttore generale Yang Hongxin. "Il piano globale prevede di raggiungere una capacità totale di 100 gigawattora entro il 2025".

Terra di conquista

Svolt non è l'unica. In Europa, diversi produttori asiatici di batterie hanno stretto accordi con Case automobilistiche locali. La stessa Great Wall ha già detto che formerà una joint venture con Bmw. Amperex Technology sta costruendo uno stabilimento di 14 gigawattora in Germania sempre per la Casa di Monaco di Baviera. Catl è partner strategico del gruppo Volkswagen che acquisterà 50 miliardi di euro di accumulatori. Il costruttore di Wolfsburg è anche intenzionato a intensificare i rapporti con i maggiori produttori di accumulatori al mondo come la svedese Northvolt, la coreana Ski, LG Chem e Samsung SDI.

Tag

Batterie  · Cina  · Europa  · great wall  · Svolt Energy Technology  · 

Ti potrebbe interessare

· di Luca Gaietta

Secondo uno studio di Bloomberg entro i prossimi 4 anni i paesi della Unione europea superaranno il Nordamerica nella produzione di accumulatori al litio

· di Edoardo Nastri

Il gruppo tedesco punta a nuove joint venture per gli accumulatori. Una scelta cruciale: per il capo acquisti Stefan Sommer, il giro di affari toccherà i 50 miliardi di euro

· di Edoardo Nastri

L’Unione europea spinge per incentivare lo sviluppo di aziende che producono accumulatori per auto elettriche e così ridurre la dipendenza dalla Cina