Ultimo aggiornamento  19 ottobre 2019 22:30

Codice della strada, avanti in parlamento.

Marina Fanara ·

Altro passo avanti verso l'approvazione del nuovo Codice della strada. Il testo all'esame del parlamento che introduce novità, tra cui l'inasprimento delle sanzioni per chi usa lo smartphone alla guida, è stato definitivamente approvato dalla commissione Trasporti della Camera dei deputati.

Via libera in commissione

“Si tratta di un provvedimento atteso da tempo che si ispira al tema della mobilità sostenibile e intende migliorare gli spostamenti dei cittadini, il trasporto di persone e aumentare la sicurezza, soprattutto dei soggetti vulnerabili", sottolinea il sottosegretario alle Infrastrutture e trasporti, Michele Dell’Orco, che ha seguito i lavori parlamentari sul disegno di legge.

Dalla parte dei bambini

Tra le novità, il sottosegretario cita zone a traffico limitato o aree pedonali davanti le scuole, almeno negli orari di ingresso e di uscita degli alunni, il raddoppio delle sanzioni per chi occupa un parcheggio dei disabili senza averne diritto, l’obbligo di installazione di cinture di sicurezza sugli scuolabus e multe più salate per chi non rispetta i segnali di stop ai passaggi a livello. "Sono norme di buonsenso a tutela dei più deboli", spiega il sottosegretario, "regole che mancavano e che era doveroso inserire”.

Più tutela alle due ruote

Il disegno di legge prevede anche un capitolo dedicato alla diffusione delle due ruote: "E' stato introdotto il via libera al transito in autostrada di moto elettriche, finora escluse, mentre per le biciclette sono stati inseriti la linea d'arresto avanzata rispetto alle auto in prossimità dei semafori e l’obbligo del rispetto di distanza laterale dalle bici in fase di sorpasso”, aggiunge Dell'Orco.

Burocrazia più snella

Novità anche in tema di semplificazione: in caso di deterioramento della targa, per esempio, si potrà restituirla e avere un duplicato, senza dover affrontare le costose spese di re-immatricolazione, inoltre la validità del foglio rosa passa da sei mesi a un anno in modo da permettere agli aspiranti patentati di sostenere fino a tre volte l'esame per il conseguimento della licenza di guida.

Ora il testo dovrà passare all'esame dell'Aula e successivamente al Senato. "Sono soddisfatto del lavoro svolto con i parlamentari", conclude Dell'Orco, "spero vivamente che il parlamento possa licenziare in autunno questa importantissima legge”. 

Tag

Bambini  · Camera dei deputati  · Ciclisti  · Codice della Strada  · Parlamento  · 

Ti potrebbe interessare

· di Marina Fanara

Tante le novità del testo base in commissione Trasporti della Camera. Le proposte della maggioranza per aumentare la sicurezza: giro di vite su cellulare, più tutele per gli utenti...