Ultimo aggiornamento  20 agosto 2019 06:06

Shell Eco-marathon 2019, l'Italia sul podio.

Linda Capecci ·

Si è svolta all'inizio di luglio presso il Mercedes-Benz World di Londra l'edizione europea della Eco-marathon di Shell Make the Future Live 2019. Due dei team italiani partecipanti, quello del Politecnico di Torino e dell’ITIS Leonardo Da Vinci di Carpi hanno conquistato il podio.

Oltre 1500 ragazzi hanno partecipato, portando in pista 140 veicoli, con tre diverse alimentazioni: combustione interna, elettrica, idrogeno. Obiettivo comune, percorrere il maggior numero di chilometri con un litro di carburante o 1 chilowattora di energia elettrica. 

Risultati assoluti

Nella categoria UrbanConsept - simili a delle comuni automobili - il team francese dell’Università di Tolosa ha conquistato il record assoluto tra i veicoli elettrici con 234,3 chilometri percorsi.

I danesi della University of Denmark hanno rappresentato l’eccellenza per quanto riguarda le auto a combustione interna, con 429,4 chilometri con un litro di carburante.

Gli olandesi hanno avuto la meglio Per quanto riguarda i prototipi a cella di combustibile vittoria a un team olandese, con 242,5 chilometri per metro cubo di idrogeno.

Il team mecc-E del Politecnico di Milano si è classificato quarto nella categoria dell’elettrico; i ragazzi delle università di Faenza e di Catania sono rientrati nella top 10 per i veicoli a combustione interna.

Italiani protagonisti

Per quanto riguarda la competizione tra prototipi - mezzi a tre ruote dalla futuristica aerodinamica - il team francese del Lycee Saint-Joseph La Joliverie è riuscito a raggiungere l’incredibile distanza di 2.735 chilometri con un mezzo a combustione interna. La categoria ha visto competere anche l’Unibas Racing Team dell’Università della Basilicata.

Tra i prototipi ad idrogeno quello progettato dalla Cotes Baixes High School ha vinto percorrendo 888,8 chilometri. Il team “H2politO – molecole da corsa” del Politecnico di Torino è arrivato secondo in questa categoria, mentre gli studenti del “Team Zero C” dell’Itis “Leonardo da Vinci” hanno fatto registrare il record della loro scuola alla Shell Eco-Marathon con 772 chilometri e hanno conquistato il terzo posto.

Sfida storica

La competizione che riunisce sotto lo stesso tetto imprenditori, istituzioni universitarie, laboratori di ricerca e  e studenti in un confronto sul futuro dell’energia nasce nel lontano 1939, quando negli Stati Uniti i dipendenti della Shell Oil Company, scommisero per la prima volta su chi sarebbe riuscito a percorrere la maggior distanza con la minor quantità di carburante a bordo di veicoli speciali.

Ti potrebbe interessare

· di Giovanni Passi

Torna la Shell eco-marathon, la sfida tra i veicoli più efficienti al mondo. In gara a Londra dal 5 all’8 luglio 150 team di studenti europei. 6 le squadre italiane