Ultimo aggiornamento  17 agosto 2019 19:02

Fiat, compleanno in francobollo.

Francesca Nadin ·

Un francobollo con l'immagine della prima vettura uscita dai propri stabilimenti: l'anno è il 1899 e l'auto la 3½ HP. Così Fca che all'epoca si chiamava Fabbrica Italiana Automobili Torino, celebra i 120 anni dalla sua fondazione. 

Francobollo in versione speciale

Il francobollo costa 3,50 euro e può essere utilizzato per posta prioritaria con destinazione Europa e bacino del Mediterraneo. L'esemplare, stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, è stato tirato in 40mila esemplari e la sua diffusione è iniziata ovviamente da Torino. 

Generazioni di Fiat

Un omaggio speciale perché, come sottolinea John Elkann, presidente Fca - Fiat Chrysler Automobiles, "la storia di Fiat è stata il motore di molteplici altri avvenimenti: una vicenda che supera i confini dell'automobilismo per entrare nel quotidiano non solo dell'Italia, ma del mondo intero".

Un marchio che ha accompagnato molte generazioni ed è entrato nell'immaginario collettivo."C'è una Fiat nei ricordi di ogni italiano di oggi, come nei ricordi delle generazioni che l'hanno preceduto", aggiunge il presidente, "c'è una Fiat nei nostri viaggi, come nei libri, nei film, nelle fotografie: non solo un brand, non solo un'azienda, ma un fatto sociale e culturale".

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Odinzov

Il concept celebra i 120 anni del marchio e prefigura una nuova piccola elettrica destinata a cambiare la mobilità. Elkann: "E' l'evoluzione dell'auto visto come bene di consumo...

· di Edoardo Nastri

L'11 luglio del 1899 nasce l'azienda che avrebbe motorizzato l'Italia. Oggi il suo futuro è legato all'elettrificazione e alla ricerca di un nuovo partner

· di Carlo Cimini

Le vendite del brand torinese sono in calo soprattutto in Italia e in Europa, mercati di riferimento. Tengono Panda e 500, ma la gamma è troppo limitata

· di Francesco Paternò

A matrimonio fallito e salvo ripensamenti, a Fca resta per ora soltanto la strada di alleanze industriali. Mentre i francesi dovranno prima decidere che fare con Nissan