Ultimo aggiornamento  05 dicembre 2019 16:05

Samsung, con Bixby chiami Uber o Lyft.

Carlo Cimini ·

Samsung ha lanciato un nuovo app store per Bixby, l’assistente virtuale dell’azienda coreana, in modo che gli utenti in possesso di smartphone Galaxy di ultima generazione possano scoprire nuove scorciatoie da utilizzare: una su tutte, prenotare una corsa di ride hailing – servizio di taxi privato – con Uber o Lyft.

Il marketplace facilita la navigazione tra diverse categorie di app, come viaggi e trasporti. Gli utenti possono anche personalizzare la propria ricerca in base a esigenze specifiche. Per esempio, se si preferisce utilizzare Uber o Lyft, è possibile richiedere sempre corse con lo stesso operatore quando si chiede a Bixby un'auto per l'aeroporto.

Solo negli Usa e Corea del sud, per ora

Gli strumenti sono simili a quelli offerti dalle piattaforme di Alexa (Amazon) e Google Assistant - dell’omonima azienda di Mountain View - che consentono di accedere facilmente a determinate funzionalità di un'app attraverso comando rapidi. È probabile che in futuro questa tecnologia possa essere esteso anche ai sistemi infotainment delle auto, come già avviene con Android Auto e Apple CarPlay.

All'inizio dell'anno, la stessa Samsung ha presentato il primo processore Exynos destinato ai sistemi multimediali delle auto. Il chip, denominato Auto V9, è stato scelto da Audi per alimentare la tecnologia di bordo dei suoi modelli della prossima generazione, al debutto entro il 2021.

Con il lancio dello store Bixby, Samsung spera di ottenere più accordi con terzi sviluppatori sulla propria piattaforma. Il servizio per ora è disponibile solo negli Stati Uniti e in Corea.

Tag

Bixby  · Lyft  · Samsung  · Uber  · 

Ti potrebbe interessare

· di Paolo Borgognone

La società di taxi privati offre abbonamenti a prezzi vantaggiosi a chi dà via la propria vettura tramite il sito Carvana. Fase sperimentale a Los Angeles, San Francisco e Chicago

· di Carlo Cimini

Si chiama Exynos V9 e debutterà entro il 2021 sui futuri sistemi infotainment delle Audi. Il processore potrà supportare fino a 6 display e 12 sensori fotografici